Cambiavento

Legacoop Romagna, verso l'Alleanza con grandi proposte per la crescita del territorio

Pubblicata il 11 maggio 2016

Vai alla sezione Economia e Lavoro »

Ravenna. Area Vasta Romagna e altro ancora ne parliamo con Mario Mazzotti, direttore di Legacoop Romagna.

Partiamo dalla strada verso l'Alleanza delle Cooperative.

“Siamo impegnati come tutte le strutture della Lega, insieme a Confcooperative e AGCI a rispettare la data del 1° gennaio 2017 quale data di nascita dell'Alleanza. Nelle cooperative c'è la consapevolezza che bisogna arrivare ad un'unica organizzazione dei cooperatori. Utile a dare maggiore rappresentanza ad un mondo che è già omogeneo per natura aziendale e maggior forza nel confronto  con altre strutture imprenditoriali e con le istituzioni. E' chiaro che ci sono resistenze e si tratta di superare una storia che aveva visto anche divisioni idelogiche: il tempo è maturo per superare una storia ormai compiuta e  rafforzare un sistema d'impresa cooperativa, elemento fondamentale della democrazia economica di questo paese. Siamo impegnati in questo periodo nelle assemblee e ovunque affronteremo la discussione per condividere insieme il percorso di costruzione dell'Aci, per coinvolgere i soci e far sì che la fusione non sia un'operazione a freddo. Faremo anche un questionario per coinvolgere  i soci per fare il punto con loro su come percepiscono la mutualità e il loro ruolo. E partiremo con una campagna che ha un titolo significativo: “massimi ribassi, minimi diritti. Per evidenziare all'opinione pubblica che le pratiche di aggiudicazione delle opere e dei servizi pubblici, al massimo ribasso, mettono a rischio le aziende sane e recano un danno al sistema economico e sociale. La nuova legge in materia di appalti è buona ma serviranno oltre cinquanta decreti attuativi e sarà necessaria una forte mobilitazione per orientare questi provvedimenti in direzione della reale semplificazione dei procedimenti di chiarezza e trasparenza nell'iter complessivo delle gare d'appalto.”

Il secondo elemento riguarda l'originale proposta Istituzionale di un'Area vasta equivalente alla città metropolitana che avete proposto nel corso di un recente convegno. Possiamo riesaminare questa idea?

“Abbiamo presentato questa idea il 18 aprile a Ravenna al presidente della Regione Stefano Bonaccini, agli assessori regionali Petitti e Corsini, ai Sindaci e ai rappresentanti delle forze economiche, politiche e sindacali. E devo dire che abbiamo trovato grande apertura e condivisione di intenti. In Romagna, sin da quando si ragionò insieme su Romagna Acque, abbiamo sempre avuto la capacità di lavorare insieme per raggiungere grandi obiettivi utili per i cittadini. Il problema è la scomparsa delle province: si è aperto un vuoto istituzionale che deve essere colmato. Manca un luogo di confronto in cui i rappresentanti eletti dai cittadini discutono e decidono per declinare in modo appropriato le grandi questioni che vanno oltre il singolo Comune. E sono tante. Pensiamo ai grandi argomenti: la logistica e il porto, il turismo, le nuove frontiere del wellness, la scelta della rigenerazione urbana, il welfare e l'economia sociale. Non pensiamo però a un 'provincione', né a idee autonomistiche fuori dalla storia.  Partiamo dalle tante esperienze positive di questi anni in tema di sanità, servizi integrati e trasporto locale. E servirebbe anche capacità di muoversi 'a geometria variabile', ragionando con i territori vicini come Ferrara e Bologna. Ovviamente, sappiamo che il confronto dal punto di vista dell'ordinamento rispetto a questo progetto va costruito e che abbiamo aperto un cantiere. Le nostre imprese, però, ormai competono all'estero e sui mercati globali, per farlo hanno bisogno di un sistema territoriale forte. Per questo abbiamo preso a modello la città metropolitana di Bologna, l'unica espressamente prevista dalla riforma in questa regione".

SI tratta dunque di titoli impegnativi sui quali è auspicabile un confronto ampio e approfondito ed è per questo che diamo appuntamento ai nostri lettori alle prossime puntate.

(m.z.)

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl