Cambiavento

Violenza in pizzeria, a Faenza

Pubblicata il 28 settembre 2016

Vai alla sezione Lettere e Commenti »

La violenza quando si manifesta in tutte le sue forme, va sempre condannata e allontanata.

Quanto accaduto domenica sera in una nota e frequentata pizzeria di Faenza è un episodio deplorevole e inaccettabile. Il rispetto delle regole e delle consuetudini della società, devono continuare ad essere lo sfondo su cui costruire la convivenza civile fra i cittadini italiani e stranieri residenti; questo è un punto fermo e indiscutibile sul quale non si accettano deroghe.

Non è più tollerabile l'utilizzo della violenza come risposta a sollecitazioni verbali e non lo potrà mai essere in presenza di minori di qualsiasi cittadinanza e etnia.

Visto lo spiacevole episodio, attendiamo la chiusura delle indagini da parte delle forze dell'ordine intervenute per fare chiarezza sui fatti, auspicando che i colpevoli possano essere ben dissuasi dal rendersi nuovamente protagonisti di simili episodi.

Non possiamo permettere di mettere in crisi il nostro concetto di essere cittadini quando qualcuno ignora le leggi della società e allo stesso tempo non possiamo nemmeno però rinunciare all'humanitas con gesti inconsulti dettati dalla rabbia del momento e dall'irrazionalità.

Per fare chiarezza, chi si è reso responsabile di questi gesti, non fa parte di nessun nucleo di etnia Rom che è entrato in alloggi popolari. I nuclei che oggi inseriti in case popolari, con alcune fatiche, frizioni e tolleranza da parte dei vicini, da quando hanno iniziato questo percorso non sono stati responsabili di simili azioni spiacevoli.

Ringraziamo inoltre le forze dell'ordine che ieri sera prontamente sono intervenute per riportare la calma e l'ordine e sottolineiamo che l'Amministrazione si è immediatamente attivata, infatti a pochi minuti dal fatto è intervenuto sul posto l'Assessore Luccaroni.

Ribadendo la forte denuncia dell'accaduto i tre gruppi consiliari di maggioranza in giornata hanno chiesto la convocazione urgente della Commissione V per un'audizione degli Assessori e dirigenti competenti per capire quali azioni sono state messe in campo, lo stato dell'arte del progetto e per fare chiarezza sull'accaduto.

Concludiamo esprimendo la nostra vicinanza a chi, suo malgrado, è stato costretto ad assistere a questo atto di inciviltà e ai gestori e lavoratori dell'esercizio commerciale nel quale si è verificato l'episodio.

 

(Partito Democratico di Faenza Insieme per Cambiare)

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl