Cambiavento

Ex-acetificio Venturi: si recupera un'area dismessa e degradata, ma....

Pubblicata il 7 marzo 2017

Vai alla sezione Lettere e Commenti »

Riceviamo e pubblichiamo:

Come previsto dalle norme abbiamo presentato una serie di osservazioni al progetto di riqualificazione dell’ex-acetificio Venturi.

La riqualificazione e il recupero di un’area abbandonata all’interno della città, al posto, magari, di lottizzazioni esterne, è sempre qualcosa di positivo e che va nell’ottica di ridurre il consumo del suolo e l’ingiustificata espansione delle città. Tuttavia crediamo che il progetto destinato a essere realizzato nell’area dell’ex-acetificio Venturi comporti il rischio di portare in quella zona del quartiere Lugo Sud nuovo traffico, caos e inquinamento in un’area che attualmente ha carattere prevalentemente residenziale.

Non bisogna dimenticare, infatti, che accanto all’edificazione di nuove attività nel lotto, nell’area insiste anche il progetto, secondo noi sbagliatissimo, di realizzazione della nuova gronda di attraversamento, che, non a caso, nello studio di screening ambientale viene considerata. Nel complesso la nuova gronda e il traffico a essa connesso e l’incrementato traffico causato dal progetto di riqualificazione comporteranno una nuova barriera per il quartiere che si andrà ad aggiungere alla storica barriera costituita dalla ferrovia. Non si dimentichi che già oggi, ad esempio per quanto riguarda il rumore, in alcune zone del quartiere già si superano i limiti di legge.

Riteniamo sia necessario riconsiderare le volumetrie previste, sia per quanto riguarda la parte commerciale, sia per quanto riguarda la parte residenziale, in modo da ridurre complessivamente l’impatto che l’intervento avrà sul quartiere. Non ultimo, per quanto nel progetto la gronda di attraversamento sia data come un intervento certo, crediamo che non sia possibile completare la circonvallazione di Lugo facendole attraversare la città. Certamente questo decongestionerà l’area a nord della stazione ferroviaria, ma non farà altro che spostare il traffico di poche decine di metri, portandolo a ridosso del quartiere di Lugo Sud.

Il progetto prevede anche la realizzazione dell’ormai nota Casa della Salute, la foglia di fico con la quale si vuole mascherare il depotenziamento dell’ospedale cittadino. Riteniamo che, come già è avvenuto in altre zone della Regione, tale servizio sia estremamente utile in quelle aree in cui non sono presenti o sono lontani gli ospedali. Lugo ha, invece, un suo storico ospedale che deve essere tutelato e valorizzato e deve continuare a svolgere le sue funzioni nell’attuale sede, ad esempio collocando i previsti servizi della Casa della Salute nei reparti smantellati

 

 

(Verdi Lugo)

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl