Cambiavento

L'Alleanza delle cooperative c'è ed è irreversibile

Pubblicata il 9 aprile 2017

Vai alla sezione Economia e Lavoro »

L

Imola. Sul nostro giornale abbiamo parlato delle preoccupazioni i molti cooperatori sulle lentezze del percorso verso l’Alleanza.

Ci Siamo rivolti ai vertici nazionali che hanno ribadito la volontà unitaria, ma con una voce meno robusta del solito (o perlomeno così ci è sembrato).

Siamo quindi tornati in periferia, e precisamente a Imola per capire cosa sta succedendo e ne abbiamo parlato con Domenico Olivieri, presidente dell’Alleanza imolese.

Allora, costa sta succedendo?

“Le cose stanno in questi termini:c’è stato l'avvicendamento tra Altieri e Gardini al vertice dell'alleanza e Gardini ha presentato quel giorno stesso alcune cose da fare per spingere il il percorso dell'alleanza e ha in qualche maniera tranquillizzato tutti sul fatto che il percorso verso l’Alleanza è irreversibile. Aveva poi invididuato una data, ormai già ormai già trascorsa perché si trattava del 23 marzo, nella quale avrebbero incontrato come presidenza nazionale le rappresentanze regionali soprattutto per spingere coloro che non lo avevano ancora fatto a fare il coordinamento regionale; non in tutte le regioni d'Italia era stato creato il coordinamento regionale e in cinque regioni non era ancora nato. Il livello regionale, voglio ricordarlo è l’altro grande riferimento e da lì si parte per creare l’organizzazione nel territorio. C'è poi stata, circa un mese fa, un'assemblea dei delegati di Legacoop dove sia Gardini che Lusetti hanno spinto per il, completamento del lavoro iniziato. Se poi guardiamo a casa nostra, Imola e città metropolitana, nelle settimane scorse sono state decise alcune modalità modalità di lavoro a mio avviso positive; in pratica si vanella direzione di mettere a fattore comune ciò  che è possibile,  un po' come abbiamo fatto noi a o Imola quando abbiamo costituito l’Alleanza delle Cooperative imolesi. Ora si vanno delineando una serie di attività da svolgere in maniera congiunta, faccio un esempio di argomento del quale abbiamo discusso in sede metropolitana ed è stato quello di pensare in modo comune tutto l'aspetto della promozione cooperativa e abbiamo deciso di gestire in maniera unitaria le relazioni sindacali.”

E in termini organizzativi?

“Legacoop ha sospeso temporaneamente una delibera che aveva assunto su come noi ci organizzeremo a livello regionale,per dare spazio al confronto con le altre centrali anche su questo tipo di argomento molti

Ma il punto e poter andare avanti laddove ci sono già buoni livelli di unità e da questo punto di vista l’eperienza di Imola è un positivo esempio di buone pratiche cooperative.”

 

(m.z.)

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl