Cambiavento

Il consigliere Ceroni e il caso allattamento, la replica dell'assessore Conti

Pubblicata il 10 aprile 2017

Vai alla sezione Politica »

Il consigliere Ceroni e il caso allattamento, dura replica dell
Dozza. Dopo il caso della capogruppo Pd (all'opposizione nel paese del Muro Dipinto) Claudia Ceroni che ha lasciato l'ultimo consiglio comunale per andare ad allattare la figlia di pochi mesi e dei sorrisini da parte di alcuni consiglieri di maggioranza rimbrottati sia dal Pd dozzese che dal segretario della federazione di viale Zappi Marco Raccagna, arriva la dura replica dell'assessore Roberto Conti, veterano dei consigli comunali nel centrosinistra prima di aderire pure lui alla lista civica Progetto Dozza.

"Durante lo scorso mandato, insieme alla consigliera Francesca Lelli e all'allora consigliere Luca Albertazzi (ora sindaco di una lista civica, ndr), abbiamo attuato una proposta: informare i consiglieri della data dell'imminente consiglio comunale con 6 giorni di anticipo e con lo stesso anticipo procedere all'invio delle bozze di delibera. Con Progetto Dozza abbiamo fatto ancora di più, abbiamo dato la possibilità a tutti i consiglieri di partecipare alla Conferenza dei Capigruppo, mai concessa fino a quel momento. Tutto questo per facilitare il lavoro dei consiglieri e dare loro più strumenti - spiega Conti -.. Le indennità, i gettoni di presenza, i permessi non sono privilegi ma strumenti messi a disposizione di chi amministra, e contemporaneamente lavora, per permettere a tutti di assumere questi ruoli.
Sono strumenti di uguaglianza costituzionale. Lei, consigliere Ceroni, pur essendo capogruppo, non ha mai partecipato a nessuna conferenza in tre anni. Per questo motivo avremmo dovuto essere noi ad accusarla di mancata condivisone e di disinteresse verso il ruolo e la cittadinanza. Con l'aggravante che poi si presenta, in consiglio comunale, con interventi già scritti ancor prima di ascoltare le delucidazioni sull'argomento da parte dei relatori, come successo nell'ultimo Consiglio.
Lei, consigliere Ceroni, ha fatto una scelta personale che è quella di privilegiare la propria carriera professionale, mancando costantemente alla conferenza dei capigruppo, a tante sedute del circondario e diverse volte anche a questo Consiglio Comunale, mettendo quindi tutte queste attività in secondo piano. Personalmente non ritengo sia un merito rinunciare al gettone di presenza per poter giustificare questi suoi comportamenti".

"Questo ruolo - sottolinea l'assessore - ci è riconosciuto dalle legge e deve essere svolto, in coscienza, con il massimo dell'impegno che ognuno può metterci, altrimenti mi sembra più responsabile lasciare il posto ad un altro. Come in effetti lei ha dovuto fare all'Assemblea del Circondario per le polemiche nate dalle sue assenze. Ci sono altre persone nel Consiglio di Dozza che hanno rinunciato alla loro indennità, a partire dal Presidente del Consiglio Comunale, o che versano il proprio gettone di presenza all'associazione di cui fanno parte, dando comunque il massimo delle loro possibilità senza venire meno al loro ruolo. Ognuno risponderà ai suoi elettori e ai colleghi del suo gruppo delle sue scelte e del modo con cui ha svolto la sua attività di consigliere, ma non si può invocare il volontariato. Questa attività si svolge su un altro piano di realtà. Infine, tutti siamo stati genitori di figli piccoli, o figli di genitori anziani, bisognosi di cure o prossimi al decesso o abbiamo avuto altre difficoltà di pari dignità. E' successo a tutti di doversi assentare dal Consiglio Comunale, ed è giusto che sia così. E' innegabile che esistano mille motivi importanti per cui assentarsi dal Consiglio Comunale, ma non è necessario usare e strumentalizzare queste motivazioni per giustificare le proprie assenze. E' sufficiente comunicare al Segretario Comunale l'eventuale assenza o l' uscita dall'aula".

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl