Cambiavento

Gran concerto di primavera con incasso per un dipinto da restaurare

Pubblicata il 19 aprile 2017

Vai alla sezione Cultura & Spettacoli »

Gran concerto di primavera con incasso per un dipinto da restaurare
Imola. Giovedì 20 aprile alle 21, nella sala grande del Museo Diocesano, grazie alla collaborazione e direzione artistica di Emilia Romagna Festival, si terrà il Gran concerto di primavera 2017, giunto quest'anno alla sua terza edizione. Il tema sarà "Latino-Mediterraneo" e avrà come protagonisti due étoiles del panorama artistico internazionale: Federico Mondelci, importante sassofonista affermato in tutto il mondo e Simone Zanchini, tra i più interessanti e innovativi del panorama internazionale con prestigiose collaborazioni tra cui ricordiamo quella con il Teatro alla Scala di Milano.

Il concerto sarà un omaggio alle musiche dell'America Latina e in particolare ai meravigliosi compositori argentini di cui verranno proposti alcuni dei brani più noti e amati di compositori latino americani tra cui il meraviglioso tema del film dell'indimenticabile film di Massimo Troisi “Il postino”, per il quale Luis Bacalov, ha vinto il Premio Oscar e due pezzi di un'immancabile fuoriclasse come Astor Piazzolla, “Oblivion” un 'tango nuevo' introspettivo, intenso e struggente e “Libertango”, forse il suo pezzo più noto, in interpretazioni e arrangiamenti colti e personali.

Il ricavato del concerto di beneficenza a favore del Museo Diocesano di Imola sarà interamente finalizzato al recupero di una “Crocifissione” cinquecentesca ad olio su rame. L'opera che quest'anno sarà restaurata con le offerte del "Gran concerto di primavera" è un dipinto tardo cinquecentesco ad olio su rame di ambito veneto, raffigurante "Gesù Cristo crocifisso con la Madonna, San Giovanni e Santa Maria Maddalena", proveniente dai depositi della Chiesa della Collegiata di Lugo. Come per la scultura restaurata nel 2016, anche quest'anno il bene scelto, tra i tanti disponibili per essere poi messi in esposizione permanente nel Museo Diocesano, risulta essere particolarmente bisognoso di un intervento di restauro.

Al Diocesano, da tempo, è esposto un piccolo nucleo di oli su rame sei-settecenteschi, provenienti da chiese diocesane; il fil rouge che ha indirizzato la scelta è stato, dunque, anche l'opportunità di implementare questo nucleo, inserendovi - una volta restaurato - anche quest'opera.
Dopo il restauro di Michele Pagani, il dipinto sarà esposto permanentemente nel Museo Diocesano.

Per l'ingresso alla serata è richiesta un'offerta minima di 10 euro a favore del restauro.
Dato il limitato numero di posti disponibili, la prenotazione è caldamente consigliata e potrà essere effettuata presso la segreteria di ERF (via Cavour, 48 - Imola/ tel. 0542.25747 dal lunedì al venerdì/ore 10-13 oppure info@erfestival.org). L'ingresso sarà possibile fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl