Cambiavento

"Riunire gli ospedali metropolitani", i direttori d'accordo col sindaco Merola

Pubblicata il 21 aprile 2017

Vai alla sezione Salute »

"Riunire gli ospedali metropolitani", i direttori d
La notizia giunge verso sera, prima di un "ponte" lungo forse per evitare immediate proteste. Siamo nel delicato settore della sanità della Città metropolitana ed ecco cosa dichiarano i protagonisti. “Siamo pronti a raccogliere la sfida lanciataci dal sindaco di Bologna, Virginio Merola, e a lavorare insieme per riunire gli ospedali metropolitani. Sappiamo che sarà un percorso complesso, ma siamo convinti che si tratti di un obiettivo tanto impegnativo quanto realizzabile, e che la determinazione, il realismo e l'entusiasmo che metteremo in gioco ci aiuteranno a valorizzare i tratti distintivi di ciascuna realtà, a garantire nuove opportunità di crescita alla comunità professionale e ad assicurare una maggiore qualità dei servizi ai cittadini”.

Così Chiara Gibertoni, Antonella Messori e Andrea Rossi, Direttori Generali rispettivamente della Azienda USL di Bologna, della Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna e dell'Azienda USL di Imola hanno commentato la proposta del sindaco Virginio Merola per il superamento dell'attuale assetto degli ospedali metropolitani, a cominciare da Maggiore e dal Sant'Orsola, per puntare sulla loro riunificazione.

“Si tratta di continuare - ha proseguito Antonella Messori - un impegno comune già avviato da tempo e che può contare su una serie di esperienze di integrazione positive già portate a termine in questi anni, come il Laboratorio Unico Metropolitano, il Trasfusionale Unico metropolitano, la Medicina nucleare, le Malattie Infettive, la Pneumologia Interventistica, i Servizi Amministrativi. Riunire ora gli ospedali bolognesi consentirà di caratterizzarli ancora di più per la disponibilità di professionalità elevate, alta tecnologia e come punti di riferimento per le patologie più complesse”.

Per Chiara Gibertoni “E' necessario rafforzare ulteriormente la capacità del nostro sistema sanitario di rispondere ai bisogni dei cittadini, bolognesi e non solo. Nella fase di riprogrammazione della rete territoriale e ospedaliera dell'area metropolitana – ha proseguito Gibertoni – l'investimento di maggior rilievo riguarda il territorio. Superare la frammentazione della offerta ospedaliera di secondo e terzo livello ci permetterà di liberare risorse utili per aumentare la nostra capacità di risposta, introducendo tutta l'innovazione necessaria a colmare la distanza tra la condizione attuale dei servizi e i bisogni e le aspettative dei cittadini. Anche su questo terreno i tempi sono maturi per un cambio di passo significativo”.

“Già oggi – conclude Andrea Rossi - i bisogni di cura più complessi non consentono interventi settoriali, ma richiedono sempre più spesso risposte che attraversano l'intera filiera ospedaliera, oltrepassando frequentemente i confini aziendali. L'integrazione ospedaliera rappresenta, pertanto, la migliore delle risposte possibili se si ha a cuore il miglioramento della relazione fra servizi e cittadini e la pratica attuazione del principio dell'equità di accesso alle cure. Non va sottovalutato, infine, il fatto che un sistema più integrato potrebbe trasmettere un forte messaggio di sostenibilità, coesione interna e credibilità".

Dunque la parola "riunificazione" per i bolognesi va di pari passo con "integrazione" per l'imolese Rossi. Si parla di grandi novità, ma bisogna capire se positive o negative per i cittadini, in particolare di Imola e circondario. Cosa ne sarà del Santa Maria della Scaletta?

(m.m.)

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl