Cambiavento

Fotografia europea: la storia del muro di Berlino dal 1961 al 2016

Pubblicata il 4 maggio 2017

Vai alla sezione Memoria »

Fotografia europea: la storia del muro di Berlino dal 1961 al 2016
Da 12 anni Reggio Emilia e la sua romantica Via Roma sono l'epicentro del progetto “Fotografia europea”, che a maggio trasforma la città emiliana in un insolito museo itinerante, dove i luoghi di lavoro, gli edifici più importanti, i negozi e gli studi professionali diventano spazi espositivi dedicati alla fotografia.

Tra le mostre più interessanti di questa edizione si segnala “Die Mauer”, dedicata alla storia del muro di Berlino. Aderendo alla proposta del curatore Pierluigi Sgarbi, lo studio del notaio Giorgia Manzini ubicato in Via Roma 8, ospiterà dal 5 maggio fino al 14 maggio il progetto espositivo "Die Mauer" 1961-2016" di Paolo Balboni. Ll'inaugurazione è prevista per venerdì 5 maggio alle 18.

L'artista bolognese ha triangolato col suo lavoro cronaca, storia e memoria, racchiudendo nel perimetro di 55 anni, dal 1961, anno nel quale venne eretto il muro di Berlino a oggi, la metamorfosi del muro stesso, da strumento di divisione a supporto creativo di libera espressione. Paolo Balboni attraverso un lavoro straordinario ha documentato questa lunga e cruciale storia, con un lavoro di archivio che ha riportato alla luce tutti gli articoli che il quotidiano Il Resto del Carlino ha pubblicato negli anni sulla storia del muro.

Articoli messi in relazione con il presente grazie alle fotografie realizzate dall'artista nell'East Side Gallery, la porzione di muro rimasta in piedi, considerata un inno internazionale alle libertà. La mostra, presentata per la prima volta con successo a gennaio 2017 ad Arte Fiera Bologna, sarà allestita nelle eleganti sale dello studio notarile Giorgia Manzini e conviverà con impiegati e clienti per le due settimane dell'iniziativa, creando emozione e suggestione storica in chi transiterà da quelle stanze.

"Si tratta di una idea straordinaria che mi onora e mi lusinga anche come appassionata d'arte - ha spiegato la dottoressa Giorgia Manzini -, il muro di Berlino è stato uno dei peggiori segni del XX secolo, oggi da elemento di frattura è divenuto uno dei simboli identitari dell'Europa, per questo va riscoperto e fatto conoscere ai più giovani. L'idea di Paolo Balboni di abbinare le fotografie e le opere materiche agli articoli in riproduzione originale de 'Il Resto del Carlino' permetterà a noi tutti di rivivere nei dettagli una storia così importante e ricca di sfumature. Davvero una operazione culturale intrigante e un modo per farci sentire città internazionale".

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl