Cambiavento

Costruire una città senza ghetti

Pubblicata il 24 maggio 2017

Vai alla sezione Cronaca »

Bologna. "Lavorare sulle periferie significa abilitare i cittadini alla vita sociale". La frase della vicepresidente di Urban@it (Centro nazionale di studi per le politiche urbane) Orioli ha segnato il punto di partenza della riflessione sulle periferie italiane di lunedì scorso. L'iniziativa della commissione parlamentare di inchiesta testimonia la volontà della classe politica di occuparsi di una realtà che per molto tempo è stata inopportunamente trascurata e che ha visto l'emergere di un grave conflitto sociale. Infatti, utilizzando un termine caro a Rokkan, si potrebbe dire che quello tra centro e periferia è un cleavage che ricopre un ruolo importante nel dibattito pubblico attuale. Il sindaco Merola ha sottolineato come per ricucire questa spaccatura sia fondamentale sviluppare una conoscenza adeguata dei fenomeni e investire con forza sul lungo periodo, accompagnando gli investimenti a processi decisionali dal basso, in cui i cittadini facciano sentire la propria voce. L'attenzione sul tema del bilancio partecipativo è stata richiamata anche dall'assessore Lepore: proprio in questi giorni il Comune di Bologna ha stanziato un milione di euro per attuare diversi interventi che riguardano sei quartieri della nostra città. La definizione dei progetti su cui la cittadinanza sarà chiamata a esprimersi tramite una votazione online sarà gestita dall'Ufficio dell'Immaginazione Civica. Dal governo invece si attendono ancora i 18 milioni compresi nella seconda parte dei fondi - a livello nazionale 1,6 miliardi che si vanno ad aggiungere ai 2,1 già stanziati- da destinare alle periferie, su cui il Sottosegretario Boschi ha rassicurato: "arriveranno entro la fine del mese". Questi fondi verranno impiegati per la riqualificazione del Pilastro e per la conversione dell'area del parcheggio Giuriolo (zona Arcoveggio) nella casa dell'archivio della Cineteca.

Il sindaco si è detto soddisfatto dei fondi destinati dal governo in questi anni alla riqualificazione delle periferie, ma ha colto l'occasione per mettere in guardia l'ex Ministra sulla questione sicurezza: "Per affrontare temi come  sicurezza e lotta al degrado bisogna coltivare una prospettiva di lungo periodo, non inseguire il 'giorno per giorno'." Dopo un riferimento all'iniziativa della Camera sul provvedimento per la legittima difesa ha aggiunto: "Non posso assistere come sindaco alla continua diatriba tra percezione dei cittadini e statistiche. La conoscenza dei dati è fondamentale per la partecipazione attiva dei cittadini, non posso pensare che la politica si adegui al sentire comune." Dopo il sindaco ha preso la parola il presidente della commissione parlamentare Causin, che ha individuato nella lotta all'economia illegale e nella riqualificazione dei servizi e delle infrastrutture i punti salienti di una politica efficace sul lungo periodo. Infine il Sottosegretario Boschi, assieme alla promessa dei finanziamenti, ha espresso grande considerazione per i progetti felsinei: "Calvino parlava di città diverse che si sovrappongono nel tempo mantenendo lo stesso nome e la stessa identità, ovvero mantenendo vivo un 'programma implicito' che deriva dalla propria comunità. Bologna in questo senso ha da sempre una capacità innovativa che la contraddistingue e che deve servire da modello per altre realtà: credo che stia facendo un ottimo lavoro in ogni settore, dalla sicurezza alla riqualificazione urbana. I progetti per la nuova caserma e per la 'Casa Gialla', assieme agli altri presentati, uniscono l'esigenza di presidio del territorio alla necessità di far vivere la propria comunità, grazie alla presenza di spazi per l'incontro e il dialogo tra le persone: questo programma sta andando sicuramente nella direzione tracciata dal governo."

 

(Alberto Pedrielli)

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl