Cambiavento

La Regione distribuisce i fondi alle Ausl per quest'anno, a Imola 213mila euro

Pubblicata il 14 giugno 2017

Vai alla sezione Salute »

La Regione distribuisce i fondi alle Ausl per quest
Bologna. Avviare le campagne vaccinali promosse dal nuovo Piano di prevenzione varato a livello
nazionale e regionale, ridurre le liste di attesa per i ricoveri, chirurgici programmati, consolidare i servizi del fondo regionale per la non autosufficienza, ridurre il precariato e assumere nuovo personale. Sono questi alcuni degli obiettivi del riparto degli otto miliardi disponibili per il servizio
sanitario regionale dell'Emilia-Romagna per quest'anno: sono 64 milioni di euro in più rispetto all'anno scorso. Imola, fra le Ausl, è il fanalino di coda ma è necessario anche ricordare che è la più piccola. Ciò non deve distogliere dalla priorità di trovare al più presto ulteriori infermieri vista la situazione di grande difficoltà che si sta registrando all'ospedale soprattutto nel reparto di Medicina a pochi giorni dall'inizio dell'estate.

Le risorse (8,087 miliardi), destinate all'Emilia-Romagna dal Fondo sanitario nazionale, andranno a finanziare le Aziende sanitarie (Usl, Aziende Ospedaliere e Irccs pubblici-Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico) e serviranno principalmente (7,5 miliardi) a coprire e implementare a livello locale i Livelli essenziali di assistenza, ovvero tutte quelle prestazioni - visite, esami, cure - garantite, gratuitamente o con il pagamento di un ticket, dal servizio sanitario regionale.

Una delibera di giunta ha definito le "Linee di programmazione e finanziamento per il 2017", il principale atto di programmazione annuale della Regione per le aziende Usl e ospedaliere del servizio sanitario, che al tempo stesso stabilisce la ripartizione della parte più consistente delle risorse sul territorio regionale e il quadro degli obiettivi da raggiungere per quest'anno.

Oltre ai 7,5 miliardi per i Livelli essenziali di assistenza, tra le quote più significative vanno ricordate i 64 milioni per finanziare il sistema integrato Servizio sanitario-Università e 145 per sostenere la qualificazione dei servizi delle Aziende ospedaliere e degli Irccs. E ancora, 81,74 milioni sono
destinati all'acquisto di farmaci innovativi, di cui 36 per farmaci Hcv (Epatite C) e 45,74 per quelli oncologici. La delibera fissa, inoltre, in 320 milioni il concorso al complessivo finanziamento del fondo regionale per la non autosufficienza.

"Si tratta di risorse importanti - ha detto l'assessore alla Sanità, Sergio Venturi - che ci permettono di continuare ad investire, come abbiamo fatto da inizio legislatura, sulla sanità dell'Emilia-Romagna: sulle strutture, gli spazi e le strumentazioni diagnostiche, ma anche sul personale e sui
servizi ai cittadini, a partire dai piani di abbattimento delle liste d'attesa, che per visite ed esami siamo riusciti quasi ad azzerare. Il nostro obiettivo è mantenere il sistema sanitario regionale ai livelli d'eccellenza in cui già si colloca, garantendo al tempo stesso un'efficace gestione amministrativa e
delle risorse".

Questa la ripartizione dei fondi: Aziende Usl: Piacenza, 485.432.891 euro; Parma, 694.996.230;
Reggio Emilia: 788.504.058; Modena, 1.064.332.437; Bologna, 1.407.413.763; Imola, 213.152.144; Ferrara: 614.586.134; Romagna, 1.766.263.054. Altre aziende: Aosp-Univ. Parma, 46.446.462; Aosp Reggio Emilia, 25.205.908; Aosp-Univ. Modena, 45.639.249; Aosp-Univ. Bologna, 64.984.440; Aosp-Univ. Ferrara, 68.251.426; Istituto Ortopedico Rizzoli Bologna, 18.275.048.

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl