Rivoluzione digitale: sempre più spesso i consumatori optano per gli operatori virtuali

Pubblicata il 10 dicembre 2017

Vai alla sezione Web & Media »

Rivoluzione digitale: sempre più spesso i consumatori optano per gli operatori virtuali
Il digitale apre le porte del cambiamento: un cambiamento sempre più spesso radicale e veloce, che investe qualsiasi ambito del nostro vivere. Questo discorso non di rado finisce per includere anche gli smartphone: dispositivi che oggi sono particolarmente usati, al punto da non poterne più fare a meno. Qual è la rivoluzione più importante in questo settore? Difficile scegliere fra le tante, eppure l'ingresso degli operatori virtuali nel mercato della telefonia, merita più di una considerazione. Questi provider di ultima generazione, infatti, hanno sconvolto in positivo il suddetto mercato: offrono tariffe più basse, e spingono sempre più utenti a sceglierli per il proprio telefonino. Nonostante il discorso sia tecnicamente complesso, è possibile spiegare cosa sono e come funzionano i cosiddetti MVNO, senza complicanze.

MVNO: cosa sono e come funzionano?
I MVNO (Mobile Virtual Network Operator) sono provider di ultima concezione che erogano il servizio Internet tramite un metodo rivoluzionario: non lo fanno creando o acquistando una rete di proprietà, ma consentono la navigazione appoggiandosi ad una rete esterna. La qualità del servizio non cambia, in quanto dipende dal proprietario della rete opzionata: se appartiene ad un grande provider come Telecom, di fatto è come se si navigasse con lui. Naturalmente, i grandi operatori non concedono le proprie reti ad uso gratuito: i MVNO, infatti, le affittano e in questo modo evitano di doversi dotare di una licenza apposita, o di una rete propria. Poi esistono anche diverse tipologie di operatori virtuali: tutto dipende dai contratti stipulati con i provider, e dalle licenze a loro disposizione. Qui, però, il discorso esula dal nostro obiettivo.

Perché i consumatori scelgono i MVNO?
I provider classici, quando conteggiano i prezzi delle tariffe, includono anche i costi relativi alla propria rete e alla sua manutenzione. Non avendo un'infrastruttura proprietaria, questo non accade con i MVNO: gli operatori virtuali, quindi, possono partire da costi più contenuti e dunque abbassare le pretese, nei confronti dei clienti. Vale la pena citare un esempio come Kena Mobile, le cui offerte sulle tariffe per i cellulari sono al momento fra le più gettonate: questo MVNO, infatti, propone costi molto accessibili senza sacrificare la qualità del servizio. La sua affidabilità, poi, viene testimoniata dal fatto che è di Telecom, dunque si appoggia interamente alla rete TIM.

Operatori virtuali: successo e prospettive
Secondo le indagini del settore, gli operatori virtuali stanno riscontrando un grande successo presso il pubblico. Inoltre, le strategie di queste compagnie di telefonia sono in continuo sviluppo: stanno infatti calando i costi relativi alle tariffe offerte dai MVNO. In contemporanea, però, stanno anche salendo i GB offerti dai diversi piani tariffari: un duplice vantaggio che, da solo, potrebbe spiegare il futuro aumento di abbonamenti mobile sottoscritti in Italia. A riprova di tutto questo, ecco i dati ufficiali: il costo annuo attuale di un abbonamento da MVNO è di circa 140 euro, mentre nel 2015 superava i 170 euro. Per quanto concerne i giga, sono quasi 800 in più quelli offerti dal pacchetto traffico: 2.500 GB circa, a fronte di 1.870 GB nel 2015.

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl

Cookie Policy
Informativa Privacy