Cambiavento

Il Tar boccia la sopraelevazione della discarica Tre Monti di Imola

Pubblicata il 11 gennaio 2018

Vai alla sezione Cronaca »

Il Tar boccia la discarica Tre Monti di Imola
Imola. Una tegola giudiziaria che fa molto male. L'ennesima che cade sulla testa delle politica di piazza Matteotti.
E' con la sentenza n. 16/2018 che il Tar dell'Emilia Romagna boccia, senza mezzi termini, l'ampliamento in sopraelevazione della discarica Tre Monti. In particolare il Tar si concentra sulla procedura di Via (Valutazione di impatto ambientale) che non avrebbe seguito l'iter previsto, considerato il parere negativo del ministero dei Beni culturali. 
Cavallo di battaglia anche dell'amministrazione comunale che, nella procedura partecipata, non ha voluto ascoltare - anche se da tempo sulla via “dell'ascolto” - le ragioni di cittadini e comitati contrari ad un opera non prevista nel programma di mandato dell'ormai ex sindaco Daniele Manca.

Accolte le tesi del ricorso proposto da Wwf - Associazione italiana per il World wide fund for nature onlus, Panda Imola - Associazione di volontariato onlus, Legambiente Medicina. Tutti rappresentati e difesi dagli avv.ti Matteo Ceruti e Federico Gualandi.

La lista degli sconfitti e delle responsabilità è lunga. Si va dalla Regione Emilia-Romagna, condannata anche a risarcire le spese di lite quantificate in 6.000 euro, passando attraverso i chiamati in causa e non costituiti in giudizio Arpae Emilia Romagna, Provincia di Ravenna, Città Metropolitana di Bologna, Comune di Riolo Terme, Comune di Imola e Agea - Agenzia per le erogazioni in agricoltura (quest'ultima rappresentata e difesa dall'Avvocatura dello Stato, ndr).
Sentenza che esplica i suoi effetti anche nei confronti di Consorzio azienda multiservizi, Con.Ami, e Herambiente Spa.

Le richieste degli ambientalisti sono state accolte senza riserve, aprendo uno scenario dirompente per la procedura di Via (Valutazione di impatto ambientale) non ancora conclusa, sempre sul tavolo della Regione, e che riguarda l'ampliamento della discarica non ancora approvato da 1.250.000 tonnellate di rifiuti. Lotto che era stato stralciato dalla valutazione riguardante la sopraelevazione della discarica autorizzata dall'ente di piazza Aldo Moro e bocciata ora dal Tar.

Il provvedimento bocciato è la deliberazione della Giunta regionale dell'Emilia Romagna datata 21 dicembre 2016, n. 2262 dal titolo "Provvedimento di Via del progetto per l'ampliamento della discarica Tre Monti: recupero volumetrico in sopraelevazione del 3° lotto nel comune di Imola. Proponenti Con.Ami ed Herambiente”

“Ringraziamo l'assessore regionale all'Ambiente Paola Gazzolo per il consiglio che ci fornì nel dicembre del 2016, questo: "I cittadini hanno un'arma che possono usare se il provvedimento non gli va bene. Possono andare al Tar”. Bene, abbiamo seguito il consiglio. Così Legambiente Imola- Medicina commenta a caldo l'esito della sentenza.

(Caterina Grazioli)

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl