Alè, andiamo in Niger... ma solo per gioco

Pubblicata il 18 gennaio 2018

Vai alla sezione Dal mondo »

Alè, andiamo in Niger... ma solo per gioco
400 uomini in missione verso il Niger, e non sono francescani che vanno là per dir messa.
470 uomini, 130 mezzi terrestri, 2 aerei, 1 plancia che riproduca il globo terrestre e due dadi.
Un gioco da 49,5 milioni di euro solo per questo lancio, 1,4 miliardi totali con i 34 lanci precedenti.
Noccioline. Un po' care, ma cosa volete farci...

Lo volete il gas? E la corrente elettrica? Di neri in giro meno ne vediamo e meglio è!
Hei, ma perché non c'è più benzina alla Q8? Chi ha smesso di far la guerra?
Parliamone 49,5 milioni di euro per una missione in Niger non è nulla… e poi quei soldi se li sono guadagnati, non hanno mica venduto calendari e panettoni in centro per andare in missione loro.
Se li sono sudati tutti!
Hanno venduto un po' di bombe... solo qualcuna, giusto per riuscire a campare... oh, son stati più bravi e veloci di Amazon.

Le bombe che hanno spedito per lo Yemen, le hanno fatte recapitare direttamente a casa dei civili, ma non davanti alla porta di casa... macché... Sopra.
Suvvia, tanto è come se fosse un gioco, mi immagino questi 3/4 bambini con le loro bombe che provano a lanciarle: 5 punti a chi riesce a centrare quella ciambella in mezzo al mare. 8 punti a chi colpisce la macchina rossa. Ben dodici punto a chi colpisce la casa gialla! Ah c'erano delle persone dentro... ah ops... Ahahah pazienza.
Forse si, forse è solo un gioco.

Dai per favore ditemi che è solo un gioco, che gli interessi economici non c'entrano niente, ditemi che non fanno la guerra per il petrolio, per favore ditemi che non lo fanno per l'uranio e ditemi che non lo fanno per l'acqua!
Ditemi che lo fanno solo per gioco, così che lanciano bombe per scherzo, così come io ho scherzato su queste cose...

Perché, altrimenti, rischio di sentirmi in colpa: quando uso la macchina, quando accendo la luce, o quando faccio una doccia... beh per trovar moglie la doccia devo farmela, così poi una volta sposato... farò un figlio che potrà giocare e divertirsi, ma spero di potergli insegnare di stare ben lontano da questi giochi.

(Andrea Lullo)

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl

Cookie Policy
Informativa Privacy