Cambiavento

Manca fa appello agli indecisi: "Giudicateci da come abbiamo governato"

Pubblicata il 10 febbraio 2018

Vai alla sezione Politica »

Manca
Imola. Parata di assessori e candidati all'inaugurazione della sede elettorale di Daniele Manca, candidato del Pd al proporzionale al Senato, che ha invitato nella centralissima via Mazzini i due prodiani che correranno nel maggioritario nei collegi imolesi alle elezioni politiche del 4 marzo: Serse Soverini alla Camera e Sandra Zampa al Senato. Oltre al segretario di viale Zappi Marco Raccagna, ci sono i consiglieri regionali Pd Roberto Poli e Francesca Marchetti, quasi tutti gli ex assessori della giunta Manca (non abbiamo visto Davide Tronconi, ndr), Fabrizio Castellari e Anna Pariani, candidati a sindaco per le amministrative di maggio, i candidati di altre liste alleate come Gennaro Mancino e Ivan Montanari, l'on. Daniele Montroni, il presidente del Con.Ami Stefano Manara, l'ex maggiorente della Dc Tiziano Campagnoli, Romano Linguerri di Cielle, Vittorio Gardi della vecchia guardia Pci e, fra i pochi giovani, Francesca Degli Esposti e Valentina Laffi.

Manca soffia sull'onda dell'ottimismo: "Il nostro obiettivo è candidarci al governo dell'Italia. I cittadini ci giudicheranno sul fatto che al governo abbiamo portato l'Italia fuori dalla crisi facendo politiche di sinistra, la crescita economica c'è stata, abbiamo allargato i diritti. Ci sono ancora tanti indecisi che invitiamo a giudicarci sui fatti. Vogliamo evitare che l'Italia ritorni a ideologie insidiose per la tenuta democratica del paese, vedo un centrodestra con un Berlusconi vecchio e dietro Salvini che gioca sulla paura della gente che esiste, ma non va alimentata. Intanto Di Maio si candida a premier senza nemmeno aver mai fatto il consigliere comunale e chi a sinistra sta fuori dalla nostra coalizione dà solamente un vantaggio al centrodestra (riferimento a Liberi e Uguali, ndr)".

Sandra Zampa invita "a parlare con i tanti indecisi che ci sono ancora, i governi di questi anni hanno fatto cose buone, il Pil è a più 1,7% ed è stato inserito il reddito di inclusione anche se dobbiamo continuare sulla scia intrapresa dal premier Paolo Gentiloni. Invito tutti a votare con l'intelletto e non con la pancia".

Serse Soverini è il meno "politico di mestiere" dei tre: "Sarò spesso a Imola per farmi conoscere meglio così i cittadini potranno decidere se mi merito o meno la loro fiducia. Ho accettato di candidarmi in questo territorio per l'alto grado di cultura che esprime. Sono abituato a lavorare in squadra su cose concrete. L'Emilia-Romagna sta crescendo dal punto di vista economico, ora dobbiamo mettere in equilibrio la società. Andrò negli asili perché è da lì che si comincia a impostare un bambino, bisogna insegnare a scuola, ma anche fuori i mestieri. Sono sempre stato un ulivista, basta con le rotture a sinistra, le abbiamo già viste troppe volte".

(m.m.)

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl