Politiche abitative, lettera aperta dello Sportello antisfratto

Pubblicata il 14 aprile 2018

Vai alla sezione Cronaca »

Spett. redazione,
in questi ultimi mesi la città di Imola ha vissuto un pesante vuoto amministrativo in seguito alle dimissioni del sindaco Manca. Vuoto che ha accentuato ulteriormente le già carenti politiche abitative cittadine, da anni trascurate da un'amministrazione comunale Pd poco sensibile sul tema.
Lo Sportello Antisfratto Imola da anni affronta, insieme alle famiglie e alle persone che vivono il problema abitativo per colpa della crisi e della perdita del lavoro, le tematiche degli sfratti e dell'abbandono delle case popolari.

Solo nell'ultimo mese siamo entrati in contatto con numerose famiglie, come quella di Salah e Hanane, in Italia da più di 20 anni, con cittadinanza italiana e due figlie di 12 e 5 anni nate qui, che per via della perdita del lavoro in passato non sono più riusciti a pagare il mutuo per la casa e ora si ritrovano sotto sfratto e con la casa pignorata.

Oggi entrambi hanno contratti lavorativi, ma da più di un anno cercano senza soluzione di affittare un alloggio che nessuno offre loro, mentre ormai lo sfratto incombe il 18 aprile nonostante non abbiamo problemi economici per pagare un affitto a condizioni di mercato.

Questa situazione, analoga ad un altro pignoramento successo in città il mese scorso, evidenzia come non si tratti di casi singoli ma di un vero problema sociale dovuto alla mancanza di disponibilità di alloggi da affittare, nonostante le case vuote in città siano molte. Un problema che, al di là della situazione di Salah e Hanane - per i quali ci auguriamo che si trovi al più presto una soluzione -, chiama in causa le istituzioni, colpevoli di una totale assenza di politiche che facilitino la possibilità di affittare casa a chi ne ha le capacità economiche. Il fallimento dell'Ama (Agenzia metropolitana per l'affitto) a cui il Comune di Imola ha aderito anni fa e che non ha mai prodotto risultati, tanto che il comune di Bologna ne è già uscito, testimonia le mancanze della passata amministrazione comunale. Chiediamo perciò al prossimo sindaco di Imola che intervenga decisamente su tale questione per aiutare chi cerca casa in affitto.

Il secondo punto sul quale lo Sportello Antisfratto Imola auspica una forte discontinuità da parte della nuova amministrazione comunale è la questione della separazione dei nuclei famigliari in caso di sfratto. Per anni i servizi sociali hanno applicato le direttive della passata amministrazione, che senza la minima tutela per le famiglie in caso di sfratto le disgregava mandando madre e figli minori in struttura e abbandonando padre e figli maggiori per strada. Già questo 12 aprile un'altra famiglia che lo Sportello Antisfratto Imola sta seguendo, sotto sfratto ma in attesa dell'assegnazione della casa popolare in quanto in ottima posizione nella graduatoria di assegnazione, rischia di essere sfrattata e separata quando si potrebbero trovare con facilità soluzioni dignitose e a costi minori per la collettività rispetto alla separazione e alla struttura.

Siccome spesso si sente parlare dell'importanza delle politiche per la famiglia, ci aspettiamo che anche su tale aspetto ci siano interventi da parte dei candidati sindaco per preservare l'integrità del nucleo famigliare anche in caso di sfratto, con soluzioni che siano sempre dignitose per genitori e figli.

Terzo punto fondamentale è quello delle case popolari: più volte lo Sportello Antisfratto Imola è intervenuto per segnalare come la passata amministrazione Pd abbia fatto cassa per trovare i fondi per la manutenzione dell'Erp vendendo case popolari, riducendone così il patrimonio complessivo.
Nella scorsa amministrazione i fondi per la manutenzione sono sempre stati trovati o vendendo case popolari o aspettando finanziamenti esterni: emblematico è il caso degli ultimi 29 alloggi in via di ripristino solo dopo che sono stati erogati fondi dalla regione a dicembre 2017. Alloggi che sono rimasti vuoti in attesa di investimenti per la manutenzione almeno dal 2015, anno in cui il Comune li aveva inseriti in un piano di recupero rivolto sempre alla regione. In pratica il Comune lascia vuote le case popolari anche per anni, rimanendo inerte in attesa che arrivino finanziamenti esterni. Lo Sportello Antisfratto Imola ritiene necessario, e chiede ai candidati alla guida della città, di stanziare fondi comunali per migliorare la gestione delle case popolari e ridurre lo sfitto, che attualmente supera i cento alloggi, smettendo al tempo stesso di ricavare tali fondi dalla vendita del proprio patrimonio Erp già fortemente ridotto.

Sempre sulle case popolari registriamo i forti aumenti degli affitti che si sono verificati a seguito della riforma dell'Erp voluta dalla regione, con canoni che sono arrivati a valori prossimi a quelli di mercato anche per case vecchie più di 70 anni e in pessimo stato.
Aumenti che sono stati decretati dalla Regione, ma che il Comune di Imola ha avallato deliberando di scegliere come prezzo al metro quadro alcuni tra i valori più alti rispetto al range di prezzi che la regione aveva concesso ai singoli comuni come margine di scelta.
Come quarta proposta suggeriamo pertanto alla nuova amministrazione che verrà, in segno di discontinuità rispetto a questa pessima riforma, di richiederne la cancellazione e di intervenire da subito adottando i valori più bassi al metro quadro tra quelli consentiti dalla legge regionale, calmierando così l'aumento degli affitti che si sono registrati nell'ultimo anno.

Queste sono le questioni di politiche abitative che ci piacerebbe venissero affrontate dalle varie parti in corsa per le elezioni comunali, senza che il dibattito venga ancora una volta dirottato su una presunta “guerra tra poveri” italiani e stranieri. Una speculazione spesso portata avanti da partiti xenofobi, attraverso la quale si distoglie l'attenzione dai reali problemi di malagestione, impedendone una corretta analisi e risoluzione, mentre le case e le soluzioni si potrebbero trovare per tutti, italiani o stranieri, visto l'elevato numero di appartamenti sfitti e i tanti fondi spesi malamente.

Sull'aumento degli affitti nelle case popolari per fare cassa e sulla cattiva manutenzione delle stesse lo Sportello Antisfratto Imola ha lanciato un'assemblea rivolta a tutti gli inquilini ERP per domenica 22 aprile alle ore 17 al centro sociale Giovannini (via Scarabelli 4).

(Sportello Antisfratto Imola)

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl