Shopping festivo in Gdo? Si, no, forse

Pubblicata il 30 aprile 2018

Vai alla sezione Economia e Lavoro »

Coop Italia fa sapere che non c'è bisogno di far shopping in un giorno festivo e continuerà sulla strada delle saracinesche chiuse mentre Carrefour, Esselunga, Auchan, Ikea, Brico, ecc. a macchia di leopardo si comporteranno diversamente, una specie di liberalizzazione selvaggia soprattutto nelle località turistiche e città d'arte dove le aperture sfioreranno il 50%; è questa una deplorevole caratteristica tutta made in Italy inversa ad esempio di quella britannica che obbliga i “grandi” a tenere le saracinesche abbassate e incoraggia i “piccoli” a stare aperti promuovendo così, a loro detta, la vita di comunità per ritrovare il valore concreto della festa e ciò che questo rappresenta.

Le polemiche sono note e sono nate in Italia dalla liberalizzazione delle aperture delle attività commerciali voluta nel 2012 dal governo Monti, opinioni divergenti e polemiche sul “tutto aperto” durante le festività nel settore Gdo (grande distribuzione) che vede schierate opposte visioni di tornare o no a dedicare tempo agli affetti nei giorni di festa.

Le tesi dei “pro” delle aperture domenicali e festività in genere sono da tempo conosciute: “Come rinunciare in questi tempi di crisi a decine di milioni di clienti che, lavorando tutta la settimana, hanno solo proprio le giornate di festa per riempire i freezer di casa?” ; la sacrosanta replica è quanto mai degna: “Basta organizzarsi con la spesa e, alla faccia di quanto ci si perde in termini di ricavi, ci sono date simbolo che non sono negoziabili”.

Natale e Pasqua come 25 aprile e 1°maggio sono proprio alcune di queste date dalla scelta valoriale importante che dovrebbero legittimare l'astensione dal lavoro, i negozi quindi dovrebbero restare chiusi per consentire a tutti di celebrare degnamente quelle che da sempre sono ricorrenze fondamentali, come d'altronde ricordano i sindacati: “Mentre le domeniche possono far parte della posta in gioco in termini occupazionali, le festività no ed astenersi dal lavoro in quei giorni è legittimo”.
Massima libertà seguendo quindi la logica di quella fetta della grande distribuzione più sensibile al fantasma di perdere clientela quando tutti gli altri restano aperti oppure di contro rivalutare la capacità di star bene con se stessi e la propria famiglia (e quindi anche con gli altri) grazie proprio alle giornate di festa dove infatti bastano gesti elementari per creare felicità, anche soltanto ringraziando o scambiandosi un saluto.

Una valore questo della semplicità che abbiamo ormai perso per colpa dell'effetto disgregante della società in cui viviamo dove competizione e successo ad ogni costo hanno fatto di noi attori solo e sempre messi quotidianamente in patetica discussione.

(Giuseppe Vassura)

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl

Cookie Policy
Informativa Privacy