Cia Imola: “Per la nostra agricoltura serve una Cabina di regia”

Pubblicata il 4 maggio 2018

Vai alla sezione Economia e Lavoro »

Giordano Zambrini, presidente Cia IMola
Imola. La Cia (Confederazione italiana agricoltori) rilancia la proposta di una Cabina di regia per affrontare i problemi dell'agricoltura. E lo farà nel corso di un convegno sul tema “I nuovi indirizzi della politica agricola comune 2020 – 2027” che si terrà sabato 12 aprile, dalle 9.30 alle 13, a palazzo Sersanti (piazza Matteotti Imola) che vedrà la presenza di Herbert Dorfmann, europarlamentare della Südtiroler Volkspartei, relatore per la Commissione europea del rapporto Politica agricola comune 2020 – 2017. Accanto a lui altri personaggi di spicco come Carlo Pirazzoli (professore ordinario dipartimento di Scienze e Tecnologie agro – alimentari dell'università di Bologna, che già nel passato ha affrontato i problemi dell'agricoltura imolese), Vanna Monducci (dirigente scolastico dell'Istituto d'istruzione superiore “Francesco Alberghetti” di Imola, Stefano Calderoni (presidente Cia Ferrara), Dino Scanavino (presidente nazionale Cia Agricoltori italiani). Presiede il presidente della Cia imolese, Giordano Zambrini, conduce Michele Zacchi, direttore del mensile Agricoltura Trentina.

“L'idea di questo convegno non nasce solo da questo rapporto che si sta sviluppando con l'agricoltura trentina, alla quale guardiamo con profondo interesse, ma anche da un lavoro che stiamo portando avanti da anni per costruire un percorso di alleanze sul territorio, capaci di affrontare i problemi della nostra agricoltura, coinvolgendo anche le scuole, in primo luogo l'Istituto tecnico agrario, perché siamo consapevoli che da soli non si va da nessun a parte e senza dei percorsi formativi di alto livello non c'è ricambio generazionale. Già nel 2016 proponemmo una 'Cabina di regia' che coinvolgesse tutti gli attori del nostro territorio per definire una progettualità in campo agricolo. Raccogliemmo molto interesse, ma poi quando si è fatta l'ora di mettere in pratica le parole, tutti si è bloccato. Il 12 riproporremo questa idea, confidando che abbia migliore sorte”, afferma Giordano Zambrini, presidente Cia Imola.

Cambiamento di clima, necessità di un'agricoltura sostenibile e salubre, ricambio generazionale, problema delle risorse: il mondo agricolo non sta certo vivendo uno dei suoi periodi migliori, “non si tratta di promuovere la Cia – continua Zambrini -, non è questo il nostro obiettivo, quello che vogliamo, assieme a tutte le realtà del territorio che hanno a che fare con l'agricoltura, è di provare a proporre un modello diverso. Nei prossimi anni l'agricoltura imolese sarà chiamata ad ulteriori cambiamenti ed innovazioni, che avranno come obiettivi la sostenibilità e la difesa dell'ambiente, come già previsto e richiesto dagli indirizzi della Pac, la Politica agricola europea. Non di meno, sarà necessario garantire la produzione di materie prime e di alimenti di qualità, la loro sanità e salubrità, nel rispetto dell'ambiente e del territorio; interagendo con gli altri interventi territoriali, in particolare la difesa idro-geologica la diffusione di politiche ambientali, e la tutela della salute. N on possiamo farci trovare impreparati”.

Da qui l'idea di questo convegno centrato sui temi della nuova politica agricola, quella con la quale l'agricoltura dovrà fare i conti nel prossimo decennio. E lo fa con un personaggio di primo piano come Herbert Dorfmann, europarlamentare italiano, che nei giorni successivi al convegno relazionerà alla Commissione europea proprio sulla nuova Pac. “Dobbiamo cercare di capire le opportunità che si aprono con la nuova Pac e come noi dobbiamo cambiare per essere capaci di coglierle fino in fondo. E questo, lo ripeto, non può che essere un lavoro che coinvolge tutto il territorio e i soggetti che ne fanno parte. Purtroppo il settore agricolo, e in particolare i suoi operatori e le loro imprese, vivono in una fortissima criticità economica, e non trovano ancora il giusto riconoscimento per le loro produzioni, e per la importante funzione economica e sociale che svolgono. Per questo nel convegno rilanceremo l'idea della 'Cabina di regia' che, coinvolgendo enti pubblici e privati e operatori di tutti i settori, abbia la funzione di garantire lo sviluppo dell'agricoltura non solo in una visione settoriale, ma sviluppando tutte le sue potenzialità legate al territorio e al benessere, nella sua declinazione più ampia”.

(v.z.)

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl

Cookie Policy
Informativa Privacy