Erasmus plus, come “fare scuola in Europa”

Pubblicata il 11 maggio 2018

Vai alla sezione Scuola e Formazione »

Erasmus plus, come “fare scuola in Europa”
Lugo (Ra). Partirà il 31 maggio il primo gruppo di 31 ragazzi delle scuole secondarie di secondo grado che partecipano all'iniziativa M.Y. Europe (Moving Youth Round Europe). Sabato 5 maggio, a Lugo nell'aula Magna dell'Istituto tecnico - professionale, si è svolto l'incontro tra studenti, genitori e insegnanti in vista della partenza.
L'iniziativa è promossa promossa dalla Fondazione Giovanni Dalle Fabbriche di Faenza, con l'assistenza del Centro Educazione all'Europa di Ravenna.

In due anni a partire da maggio 2018 per concludersi a settembre 2019 saranno complessivamente 320 gli studenti delle classi IV e V del territorio (delle Scuole aderenti di Rimini, Ravenna e Imola, unitamente al progetto "Io penso europeo", promosso direttamente da "Educazione all'Europa") che partiranno per “fare scuola in Europa”, con tirocini in imprese europee della durata media di 5 settimane, insieme a 30 docenti che si avvicenderanno nel loro ruolo di accompagnatori e 60 insegnanti in mobilità per aggiornamento professionale. La Bcc ravennate, forlivese e imolese partecipa come partner territoriale della Fondazione Dalle Fabbriche, co-finanzia gli aspetti organizzativi e il piano di comunicazione del Progetto M.Y. Europe.

Qualche dato
Dopo una selezione fatta dalle scuole, intesa a premiare le eccellenze, valorizzando ragazzi che si stanno distinguendo per profitto scolastico, maturità e senso di responsabilità, la squadra di “giovani europei” può dirsi pronta. Tra maggio e settembre, grazie al progetto M.Y. Europe della Fondazione Dalle Fabbriche e Io Penso Europeo del Centro Educazione all'Europa, gli Istituti Ginanni di Ravenna, Bucci, Oriani e Persolino-Strocchi di Faenza, il Polo Professionale di Lugo, lo Scarabelli-Ghini di Imola, l'Einaudi-Molari di Santarcangelo di Romagna, il Belluzzi-Leonardo Da Vinci di Rimini e il Savioli di Riccione, i Licei Dante Alighieri e Nervi-Severini di Ravenna, Ricci Curbastro di Lugo e Ballardini-Torricelli di Faenza, realizzeranno per i propri studenti percorsi di alternanza scuola-lavoro in imprese europee in Francia, Germania, Irlanda, Malta e Regno Unito, certificandoli come attività curricolare. Le borse di studio Erasmus hanno un valore compreso tra 1.600,00 e 2.300,00 euro.

Le parole dei promotori
Durante l'incontro, dopo il saluto della prof. Milla Lacchini, dirigente del Polo di Lugo, è intervenuto Tiziano Conti, vicepresidente della Fondazione Dalle Fabbriche: “L'innovazione sociale nella cultura mutualistica della Fondazione guarda ai giovani come risorsa da valorizzare e sostenere, anche per la crescita del nostro territorio e rivolgersi all'Europa vuol dire investire nel futuro dei giovani e in quello della nostra intera comunità. Europa: andata e ritorno!”.
Carmen Olanda, fondatrice e direttrice di "Educazione all'Europa" ha guidato l'incontro e ha ricordato come “Animare il senso di appartenenza e di identità europea trai giovani è il fondamento della mission del Centro Educazione all'Europa. Dal 1989 ad oggi abbiamo accompagnato quasi 3.000 giovani in Europa, con forte senso di responsabilità nel coadiuvare l'appartenenza attraverso la comprensione delle opportunità che l'Europa deve poter rappresentare per le giovani generazioni. Pensare europeo: un valore, una scelta di vita!”.

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl

Cookie Policy
Informativa Privacy