Gioco, ricerca e meraviglia al “Festival dell'Olfatto”

Pubblicata il 22 maggio 2018

Vai alla sezione Wellness »

Gioco, ricerca e meraviglia al “Festival dell
Bologna. Gioco, ricerca e meraviglia sono i protagonisti della nona edizione di “Smell - Festival dell'Olfatto”, la rassegna internazionale dedicata alla cultura dell'olfatto e all'arte del profumo, unica in Italia per contenuti e longevità, che andrà in scena a Bo,logna dal 24 al 27 maggio. Promosso dall'associazione Orablu, con i patrocini della Regione Emilia-Romagna e del Comune di Bologna e la collaborazione di Istituzione Bologna Musei - Museo internazionale e biblioteca della musica e di Accademia di Belle Arti di Bologna. Il programma della nuova edizione ruota attorno al tema “Ricreazione”, scelta che - come spiega la direttrice artistica Francesca Faruolo - “esprime il desiderio di vivere in modo creativo l'esplorazione olfattiva lasciando spazio al gioco, alla ricerca e alla meraviglia”.

Smell Experience
Novità di quest'anno è il lancio del format "Smell Experience" che inaugura la collaborazione tra Smell Festival e Moellhausen, riferimento internazionale per le materie prime del settore fragranze e fragrance house devota all'innovazione e alla ricerca.
Domenica 27 maggio nella sala eventi del Museo internazionale e biblioteca della musica di Bologna, ricercatori provenienti da istituti internazionali contribuiranno a definire i rapporti tra sfera olfattiva e linguaggio, gioco sociale per eccellenza. A differenza di quanto avviene per gli altri sensi, è nota la difficoltà di nominare e classificare gli odori secondo un codice condiviso. Il linguaggio olfattivo è perciò un territorio di frontiera che Smell Experience si propone di esplorare spaziando dagli studi linguistici con Laura Speed (Radboud University, Nijmegen), alle neuroscienze con Cristina Cacciari (Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia), all'arte con Peter De Cupere (artista olfattivo con base ad Anversa), fino alla specifica industria delle materie prime aromatiche e delle fragranze con Dominique Moellhausen. Per sottolineare l'intento divulgativo dell'iniziativa, Moellhausen metterà a disposizione del pubblico un kit di materiali del proprio archivio didattico per esercitarsi con gli odori e impadronirsi di un linguaggio che, in fin dei conti, appartiene a tutti.

Il profumo illustrato
Il Museo internazionale e biblioteca della musica di Bologna si conferma il quartier generale della manifestazione nelle giornate di sabato 26 e domenica 27 maggio. Ad accogliere i visitatori della rassegna, lungo la scalinata, e la galleria del museo, sarà la mostra “A mano libera: il profumo illustrato” con una selezione di illustrazioni di Massimo Alfaioli capaci di creare un ponte tra immaginario olfattivo e visivo. L'esposizione è accompagnata dai profumi realizzati da A Lab on Fire, Joseph Caruso, Talismans, Andy Tauer, con cui Alfaioli ha collaborato per le sue opere.
Nel cortile del museo l'artista e “pasionaria olfattiva” Clèlia Prestige presenta invece un'installazione dedicata al tema “ricreazione” intitolata “Il volo della farfalla”. L'opera è abbinata ad un workshop di profumeria condotto dalla stessa artista sabato 26 maggio alle ore 17.

La profumeria artistica
Un'attenzione particolare il Festival riserva sempre alla creatività legata alla sfera olfattiva legandosi al mondo della profumeria artistica. Nella sala eventi del Museo della Musica durante la giornata di sabato 26 maggio il pubblico potrà incontrare di persona alcuni rappresentanti di questa scena creativa. Tra questi, Diletta Tonatto oggi responsabile della Maison Tonatto di Torino, che ha saputo imprimere una propria impronta all'azienda di famiglia trasferendovi i propri interessi nell'ambito filo-sociologico e del design. Attraverso le sue creazioni ripercorrerà il rapporto dell'uomo con il limite soffermandosi al potere degli odori nel fornire un indispensabile ancoraggio emotivo. Nel pomeriggio, il profumiere Cristian Calabrò insieme allo staff di CFF, casa essenziera e profumiera con base a Milano, proporranno al pubblico un esercizio sinestetico intitolato provocatoriamente “Let's eat fragrances” che consiste nell'abbinare materie prime food grade alle ultime fragranze realizzate per il marchio ThoO.

I profumi passando da Gabriele D'Annunzio
Sempre nell'ambito della profumeria artistica, imperdibile l'appuntamento con il Perfume Showcase, percorso tra le migliori proposte italiane e internazionali accolto per il settimo anno consecutivo nelle sale e gallerie del Grand Hotel Majestic “già Baglioni” di Bologna. L'evento, in programma venerdì 25 maggio dalle 18 alle 23.00 (ingresso libero), vede la partecipazione, tra gli altri, di Autentica di Felsina, BB Fragrance, Michele Bianchi, Parfums Dusita, I Profumi di D'Annunzio, Monom, Optico profumo, Talismans collezione preziosa, The Merchant of Venice, ThoO, What Matters is Inside, Tonatto. Presenti inoltre alla serata: NEZ – La rivista olfattiva e le fragranze realizzate dagli studenti che hanno terminato quest'anno il corso di profumeria di Smell – Atelier di arti olfattive, il programma di formazione nato dall'esperienza di Smell Festival.

Durante la serata, nella sala Europa, Paola Goretti farà scoprire al pubblico un capitolo importante della storia della profumeria italiana, legata alla figura di Gabriele D'Annunzio, in occasione della mostra D'Annunzio e l'Arte del Profumo. Odorarius Mirabilis allestita presso Il Vittoriale degli Italiani (fino al 27 gennaio 2019). A coadiuvare la storica dell'arte in questa presentazione ci sarà Marco Vidal dell'azienda Mavive promotrice della mostra, che introdurrà le fragranze ispirate alla poetica del Vate realizzate per la collezione I Profumi di D'Annunzio.

Incontri
Sabato 26 maggio nella sala eventi del museo, Creezy Courtoy, fondatrice di The International Perfume Foundation, dedicherà il suo intervento all'importanza di introdurre l'educazione olfattiva già nella prima infanzia riportando la sua esperienza negli istituti scolastici di Bruxelles.

Nello stesso giorno raggiungerà il Festival da Parigi Yohan Cervi, redattore di NEZ – la revue olfactive, che guiderà un percorso tra le “Dieci fragranze da sentire prima di morire”. Un invito ad appagare la propria curiosità olfattiva offrendo una retrospettiva sulle migliori creazioni della profumeria artistica di sempre.

Workshop e Masterclass
Tra gli eventi più attesi del Festival, workshop e classi avanzate di profumeria con professionisti, del settore, coinvolgono il pubblico in esperienze olfattive e nella creazione di accordi e fragranze sul tema “ricreazione”. Si inizia giovedì 24 maggio con un workshop dedicato agli studenti dell'Accademia di Belle Arti di Bologna coordinato dalla professoressa Rossella Piergallini, docente di Fashion Design e con la partecipazione del direttore creativo di Optico Profumo, Renato Bongiorno, del product designer Massimiliano Sutti, e del profumiere Nicola Bianchi. Sabato 26 maggio, presso il Laboratorio 1 del Museo della Musica, Martino Cerizza, creatore di fragranze e insegnante di Smell Atelier, condurrà una vera e propria Masterclass di profumeria trasmettendo ai partecipanti aggiornamenti sulle materie prime e tecniche di composizione. Nella stessa giornata Leonardo Opali, profumiere, in collaborazione con l'artista newyorkese Frances Middendorf proporrà un originale percorso olfattivo ispirato alle Ville Venete, quale luogo di svago e “ricreazione” per eccellenza. A seguire Michele Bianchi, che l'anno scorso ha debuttato come creatore di fragranze aggiudicandosi il primo premio del concorso OSA! Outsider Scents Award promosso da Smell Festival, coinvolgerà i partecipanti in un viaggio odoroso sul tema del “tempo libero” nell'amata Russia, sua patria d'elezione.

Progetti speciali
Domenica 27 maggio si svolgeranno le premiazioni di OSA! Outsider Scents Award, terza edizione del concorso internazionale dedicato alle migliori composizioni olfattive inedite realizzate da debuttanti. L'iniziativa, promossa da Smell Festival, vede la collaborazione dei blog Bergamotto e Benzoino, La Gardenia nell'Occhiello e di Adjiumi. Tra i giudici, i creatori di fragranze Alessandro Gualtieri (Nasomatto), Antonio Alessandria, Roberto Dario e i giornalisti Giovanna Mudulu, Marika Vecchiattini e Gianni De Martino.

Libri
Non mancheranno a Smell Festival collegamenti con il mondo della natura e il sapere antico, come quello con Erika Maderna che, giovedì 24 maggio, presenterà presso il Centro Natura di via degli Albari a Bologna, il suo ultimo libro Per virtù d'erbe e d'incanti: la medicina delle streghe (Aboca edizioni, 2018). Mentre un importante capitolo relativo alla profumeria italiana sarà approfondito sabato 26 maggio al museo con Anna Messinis autrice di Storia del Profumo a Venezia (Lineadacqua, 2017).

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl

Cookie Policy
Informativa Privacy