Volontariato e molto altro: riparte il progetto "Lavori in Unione"

Pubblicata il 27 maggio 2018

Vai alla sezione Solidarietà »

Volontariato e molto altro: riparte il progetto "Lavori in Unione"
Faenza. Riparte per questa estate 2018 il progetto "Lavori in Unione", promosso dall'Unione della Romagna faentina: un periodo di lavoro e cittadinanza attiva che coinvolgerà ragazzi e ragazze dai 14 a 19 anni di età.
Si potrà spaziare tra attività puramente ricreative con i bambini, passando per il riallestimento degli spazi delle biblioteche, fino ad arrivare ad attività di supporto per la realizzazione di eventi culturali.

Il progetto vuole infatti offrire ai ragazzi l'opportunità di mettersi alla prova in attività a favore della comunità, attraverso percorsi di due o più settimane in cui i ragazzi e le ragazze, dopo una breve formazione, potranno inserirsi in specifiche attività di volontariato. I giovani potranno aderire all'iniziativa a partire da lunedì 28 maggio, compilando i moduli scaricabili dal sito web www.romagnafaentina.it. 185 i posti disponibili per quest'edizione, per 30 progetti di volontariato complessivi, messi a disposizione grazie all'associazioni del territorio e l'Asp.

L'edizione 2017ha visto 240 ragazzi coinvolti nel progetto;14 di loro erano minori stranieri non accompagnati, che hanno potuto così conoscere il territorio e le associazioni ivi presenti. Ogni percorso prevede la presenza di un tutor che affiancherà i volontari e le volontarie, nonché la copertura assicurativa per tutto il periodo prescelto. Inoltre a tutti i ragazzi di terza e quarta superiore verrà rilasciato un attestato di frequenza valido per i crediti formativi scolastici.

"E' un progetto che cresce di anno in anno – spiega Simona Sangiorgi, assessore delle Politiche giovanili del Comune di Faenza –. Le famiglie stesse ci chiedono anche di aiutare i ragazzi coinvolgendoli nel periodo estivo,sia a livello educativo, sia per insegnare loro nuove attività.Grande merito va al supporto che ci danno le associazioni del territorio. I ragazzi imparano a darsi da fare per aiutare gli altri,per rispettare gli impegni presi al fine di cooperare al bene comune. Cerchiamo di riconoscere l'impegno dei ragazzi gratificandoli con biglietti per la piscina o per il cinema". E' stato inoltre annunciato che entro giugno si insedierà a Faenza il nuovo Informagiovani per la futura gestione di questo progetto.

(Annalaura Matatia)

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl

Cookie Policy
Informativa Privacy