Salassoterapia trasferita a Bologna, disagi per i malati

Pubblicata il 30 maggio 2018

Vai alla sezione Salute »

Riceviamo e pubblichiamo

Essendo affetto da policitemia (produzione eccessiva di globuli rossi) mi sottopongo a salassoterapia. Mi reco mensilmente al centro trasfusionale (c/o Avis) dove personale medico e infermieristico competente e gentile, dopo un preventivo controllo ematologico (effettuato utilizzando una macchina contaglobuli) e una visita, se necessario mi pratica un salasso. Nelle mie stesse condizioni sono alcune altre centinaia di imolesi, prevalentemente in età avanzata.

Una recente lettera ci comunica che, dal 3 giugno, la procedura subirà una variazione: anzichè il controllo ematologico preventivo bisognerà premunirsi di apposita impegnativa, prenotarsi al Cup, recarsi al Cup per il prelievo e, infine, senza alcuna visita un medico ci contatterà telefonicamente, nel caso non sia necessario eseguire il salasso. Tale variazione viene motivata con la necessità di dismettere la macchina contaglobuli, ma soprattutto con l'intenzione di far eseguire tutte le analisi del sangue presso il Laboratorio Unico Metropolitano di Bologna.

Evidentemente chi dirige la sanità imolese non sente il dovere di interrogarsi sui disagi che simili cambiamenti organizzativi possono causare a chi già di suo patisce i disagi di una malattia. Ma ciò che più amareggia e indigna è la consapevolezza di essere delle banali pedine nelle mani di chi, politica o sanità imolese che sia, da qualche tempo pratica servile compiacenza verso gli interessi bolognesi.

Non sarebbe altrimenti comprensibile come mai un bacino di popolazione di oltre 100mila abitanti, quale il comprensorio imolese, non abbia più il suo laboratorio pubblico di analisi del sangue, mentre strutture private, fortemente vocate al profitto, praticano quelle stesse analisi in regime di convenzione con il Servizio sanitario nazionale lucrandoci ed offrendo un servizio di alta qualità.

Vorrei sapere l'opinione a tale riguardo dei candidati a Sindaco di Imola: per quanto mi riguarda, in occasione del prossimo appuntamento elettorale, il mio voto ne terrà gran conto. Spero che altrettanto facciano i colleghi, come me, “salassati” di nome e di fatto.

(Aldo Perrella)

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl

Cookie Policy
Informativa Privacy