La Cappello non va nella sua sede, Sangiorgi sorridente, Palazzolo teso

Pubblicata il 11 giugno 2018

Vai alla sezione Politica »

Cappello non si fa vedere nella sua sede, Sangiorgi sorridente, Palazzolo teso
Imola. Si lascia desiderare colei che affronterà per prima il ballottaggio, l'avvocata Carmela Cappello candidata a sindaco del centrosinistra a traino Pd che alle 3.30 del lunedì 11 giugno dopo il primo turno delle elezioni amministrative più combattute nella storia di Imola non è ancora giunta nella sua sede elettorale. E nemmeno dal partito che l'ha scelta, il Pd e in particolare il senatore Daniele Manca, arriva un piccolo comunicato di commento. Forse quel 41,4% con 40 sezioni su 61 scrutinate, non la soddisfa appieno anche se ha circa il 12% di vantaggio su Manuela Sangiorgi.

La candidata a sindaco del Movimento 5 stelle è seduta invece fin dalle prime ore della sera nell'accampamento di piazza Gramsci nel cerchio di sedie dei candidati consiglieri e assessori davanti a un tavolino dove sono state consumate alcune birre visto il caldo umido. A metà dello scrutinio è stanca, ancora prudente, ma abbozza un sorriso. “Abbiamo ottenuto un risultato importante, ci abbiamo messo tutto l'impegno possibile e adesso attendiamo di vedere cosa accadrà il 24 giugno – commenta la Sangiorgi -. Sì, ho preso qualche voto in più rispetto alla lista pentastellata, forse è dovuto ai tanti riscontri positivi avuti parlando con parecchie persone. Mi aspettavo un'affluenza più alta, attorno al 62% almeno, questo non è un buon segnale per la nostra città. Comunque vedremo cosa potremo fare per convincere la gente che votare è sempre importante in particolare per il futuro della propria città, è l'obiettivo principale che mi pongo in vista del 24 giugno”.

Il quartier generale di Giuseppe Palazzolo nella sede di Focus a fianco del Porteno, in via Emilia, è il più organizzato. Alle tastiere (del computer) Daniele Piani e altri giovani che elaborano in continuazione i dati che arrivano dai seggi. Ci sono anche piadine, affettato, da bere e mangiare per tutti. A lungo si spera di vincere il testa a testa con il Movimento 5 stelle per il ballottaggio. Ma alle 3 circa perfino Palazzolo, che è un combattente, depone le armi e si dichiara terzo: “Il dato politico è che la coalizione di centrodestra ha perso diversi punti in percentuale rispetto alle elezioni politiche del 4 marzo scorso, seppur con qualche travaso di voti. Evidentemente gran parte dell'elettorato moderato ha preferito andare al mare allontanato anche dal nuovo governo nazionale. A Imola la realtà è che il Movimento 5 stelle ha tirato più della Lega e il fatto che Matteo Salvini non sia venuto ci ha penalizzato non poco. Io ho comunque preso lo 0,5% sopra il dato della coalizione, non potevo fare di più. Ora quando avremo in mano i risultati ufficiali, io e la coalizione saremo disponibili a confrontarci con chi vorrà farlo insieme con noi”.

(Massimo Mongardi)

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl

Cookie Policy
Informativa Privacy