ECONOMIA DOMESTICA: Legge “salva suicidi”, come liberarsi dai debiti

Pubblicata il 14 giugno 2018

Vai alla sezione Economia domestica »

ECONOMIA DOMESTICA: Legge “salva suicidi”, come liberarsi dai debiti
Inizia con questo pezzo una nuova rubrica che abbiamo chiamato “Economia domestica” dove vogliamo parlare di tutte quelle pratiche o informazioni “formative”, spesso taciute o, comunque, poco conosciute, che aiutano il cittadino a districarsi tra le varie “selve oscure” di cui è popolato il mondo che ci circonda, e con le quali dobbiamo comunque avere a che fare ogni giorno.
Una di queste riguarda la legge 3/2012, meglio conosciuta come “salava suicidi”. Pubblichiamo la prima di diverse puntate, in collaborazione con “MisterSdebito”, che ci raccontano di cosa si tratta e cosa può fare per chi è in difficoltà.

Per iniziare a parlare e quindi a comprendere la Legge 3/2012 abbiamo bisogno di fare una premessa politica ed economica.
Quanti di voi ricordano l'inizio della devastante crisi economica che ancora non è completamente passata e che ha stravolto i modi di fare, pensare ed agire?
Correva l'anno 2007 e si cominciava a subodorare che le cose nel mondo del lavoro e dell'occupazione stessero per essere infrante da un imprevedibile “tsunami”.
La crisi dei mutui “subprime” cioè finanziamenti concessi allegramente a persone che mai avrebbero potuto rimborsarli, travolge gli Istituti di credito americani. Forse vi vengono in mente le immagini dei Tg dell'epoca in cui gli impiegati uscivano dalla Lehman Brothers con i mano gli scatoloni degli effetti personali.

Le banche si erano trasformate in speculatori finanziari perdendo di vista il loro “focus” e non riuscendo più a rientrare dei prestiti concessi e non riuscendo a vendere questo “prodotto tossico” neppure ad altre banche cominciano a versare in crisi di liquidità.

Non fidandosi più neppure di loro stesse, figuriamoci se potevano fidarsi dei loro clienti. Clienti rappresentati da piccoli imprenditori e da famiglie i cui componenti stavano perdendo il lavoro.
In Italia tutto ciò arriva con qualche anno di ritardo, tuttavia le avvisaglie si cominciamo a percepire nel 2010 ed al contrario degli Stati Uniti dove anche le banche falliscono, qui le banche fanno fallire l'impresa e con essa gli imprenditori.

La politica va in affanno per lo Spread e l'economia per tutto il resto, scoppia la bolla immobiliare e le case non le compra più nessuno, i valori si dimezzano.
Storiche imprese edili falliscono perché le banche non supportano il ricorso al credito e di conseguenza impiantisti elettrici ed idraulici, imbianchini, pavimentisti non servono più, i magazzini di materiale edile chiudono, imprese di trasporto anche.
Dietro questo “default” ci sono milioni di lavoratori e le loro famiglie.

E le banche cosa fanno in Italia?
Per salvare loro stesse danno il colpo di grazie non concedendo più mutui e fidi e cominciano a “pressare” le aziende per farle rientrare da quelli già concessi… “Il suo merito creditizio ci impone di revocare gli affidamenti...”. Una vera catastrofe!
Da metà del 2011 in poi i Tg aprono con servizi sui suicidi dei piccoli imprenditori disperati perché non sono riusciti a pagare i dipendenti, piuttosto che i debiti con Equitalia o perché la banca amica gli ha imposto il rientro in qualche giorno con varie minacce, di cui la più comune è “Ti mettiamo la casa all'asta…”.

L'Italia è sconvolta, il governo di allora viene costretto a dimettersi in “nome del bene comune”, sostituendolo con il poco amato governo tecnico di Mario Monti che, succube dell'EU, con il dichiarato obiettivo di salvare i conti nazionali perché ce lo chiede l'Europa, mette mano ad una manovra che blocca l'intera economia, mettendo sul lastrico aziende e lavoratori, sacrificando milioni di posti di lavoro con la ciliegina della Legge Fornero.

Tuttavia recependo una Direttiva europea vara una legge nel gennaio del 2012 destinata a cambiare le sorti dei soggetti non fallibili: la Legge 3/2012

(Fabio Damassa - www.mistersdebito.it)

NEL PROSSIMO ARTICOLO
• Cosa è la Legge 3/2012
• A chi si rivolge
• I benefici della Legge 3/2012

MisterSdebito
MisterSdebito è un “brand” di Studio 3D & Partners, una società formata da un gruppo di professionisti e partners presenti in ogni regione italiana e nelle principali città, e offre affiancamento al cliente nella predisposizione delle istanze. Le competenze e le esperienze acquisite, permettono di applicare sempre tutte le possibili soluzioni. MisterSdebito è tra i primi ad aver trovato la modalità per applicare la nuova Legge 3/2012 contro il sovraindebitamento per coloro che ne abbiano i requisiti.

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl

Cookie Policy
Informativa Privacy