Centuria più Rinnova, ecco Romagna Tech

Pubblicata il 4 luglio 2018

Vai alla sezione Economia e Lavoro »

Centuria più Rinnova, ecco Romagna Tech
Faenza. E' stata presentata nei giorni scorsi Romagna Tech, la nuova società consortile per azioni nata dall'esperienza di Centuria e Rinnova Romagna Innovazione, due strutture da tempo attive per lo sviluppo del territorio romagnolo, che promuovono e generano innovazione e ricerca industriale a favore delle imprese locali
Romagna Tech è un organismo accreditato della "Rete alta tecnologia" della Regione Emilia Romagna ed è frutto di un lungo percorso che ha avuto come obiettivo quello di razionalizzare, integrare e ottimizzare competenze e risorse, nell'ottica di incrementare l'efficacia e la qualità delle risposte da offrire ai bisogni di innovazione e sviluppo delle imprese.

Una realtà, questa, che si aggiunge alle innumerevoli realtà innovative e imprenditoriali della nostra regione, ed è proprio alla domanda “l'Emilia-Romagna può diventare la Silicon Valley d'Italia?” che il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, risponde con le parole dei giovani startupper emiliano romagnoli inviati dalla Regione proprio nella San Francisco Bay con lo scopo di approfondire le conoscenze e confrontarsi con altri innovatori. “Non abbiamo molto da invidiare alla California in termini di idee - afferma Bonaccini -. In un rapporto virtuoso tra impresa, ricerca, università, territorio e istituzioni, dobbiamo essere messi nelle condizioni di poterci giocare la partita su quelle che sono le nostre peculiarità. Per questo - ha proseguito - società come Romagna Tech sono fondamentali per mantenere saldo il legame tra tutti gli attori dello sviluppo territoriale”.

Le aree di competenza della società sono il settore manifatturiero, quello agroalimentare, dei materiali innovativi, di ICT e meccanica,l'intelligenza artificiale, e la trasformazione digitale. Oltre a ciò, il laboratorio sviluppa progetti e fornisce soluzioni alle imprese, con attività tra cui il project management.
I numeri di questa attività? Quantomeno incoraggianti: nel periodo 2015-2018 sono stati realizzati 47 progetti di ricerca e sviluppo commissionati da imprese emiliano-romagnole per un valore complessivo di 2.1 milioni di euro. Di questi, 15 hanno goduto di un contributo regionale, fattore che determina un effetto moltiplicatore dell'investimento complessivo.
La società gestisce infine due incubatori (il Torricelli di Faenza e U-Start della Bassa Romagna) promossi dagli enti locali, offrendo spazi attrezzati e servizi di supporto a oltre 100 startup, sia insediate che esterne, muovendo un fatturato di 900 mila euro.

(Annalaura Matatia)

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl

Cookie Policy
Informativa Privacy