Dipendenti in nero, denunciato un imprenditore

Pubblicata il 3 agosto 2018

Vai alla sezione Cronaca »

Dipendenti in nero, denunciato un imprenditore
Bologna. Nei giorni scorsi i carabinieri del Comando provinciale di Bologna hanno eseguito una serie di controlli contro l'abusivismo commerciale e la contraffazione, come disposto da un'iniziativa del Ministero dell'Interno.

L'attività è stata svolta con l'ausilio di altri reparti dell'Arma dei carabinieri, il Nas e Nil di Bologna e del personale civile dell'Ispettorato del Lavoro e delle Aziende Unità sanitaria locale di Bologna e Imola. Tra le aziende tessili ispezionate nella provincia di Bologna, alcune sono state sanzionate perché non erano in regola con la normativa.

A Mordano, i carabinieri della Compagnia di Imola hanno denunciato il titolare di una ditta perché aveva “assunto” sei dipendenti su sette in “nero”. L'uomo, quarantunenne cinese, è stato anche sanzionato per un importo di oltre 20.000 euro a seguito di una serie di illeciti amministrativi.

Tra San Pietro in Casale, Crevalcore, Pieve di Cento e San Matteo della Decima, i carabinieri della Compagnia di San Giovanni in Persiceto hanno ispezionato quattro laboratori e tre titolari cinesi, di età compresa tra i quarantaquattro e i quarantanove anni, sono finiti nei guai per una serie di anomalie riscontrate durante il servizio. La situazione di maggiore criticità è stata rilevata a San Matteo della Decima, dove sono stati messi i sigilli allo stabile di un magazzino i cui operai cinesi lavoravano per conto di un marchio di moda italiano. La chiusura dello stabile è scattata a seguito dell'assenza dei requisiti di sicurezza logistici, come l'impianto elettrico che mostrava diverse anomalie pericolose per l'incolumità dei lavoratori cinesi. Tra questi, ve ne erano alcuni assunti in “nero”.

A Calderara di Reno, infine, i carabinieri della Compagnia di Bologna Borgo Panigale, oltre al supporto dei funzionari civili dell'Ispettorato del Lavoro e a quello della Ausl, sono stati coadiuvati anche dalla polizia municipale e dai tecnici comunali. Durante l'ispezione di una ditta sono stati identificati cinquantotto lavoratori, quasi tutti cinesi, a parte cinque pakistani. Tra questi, un operaio cinese era stato assunto pur essendo irregolare sul territorio italiano e per questo motivo, il titolare dell'azienda, cinquantaseienne cinese, oltre ad essere pesantemente sanzionato per le irregolarità riscontrate, è stato anche denunciato all'Autorità giudiziaria. L'azienda veniva gestita con metodi arcaici e gli operai erano stati privati di qualsiasi diritto, come il riposo settimanale e la dignità di lavorare in un ambiente decoroso. Sono state rilevate anche delle violazioni edilizie perché alcune stanze erano state trasformate in camere, così da sfruttare meglio la manodopera, a discapito delle condizioni di salute, precarie e a rischio di diffusione di malattie, specie quelle infettive.

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl

Cookie Policy
Informativa Privacy