10 anni fa il crack Lehman

Pubblicata il 24 settembre 2018

Vai alla sezione Economia e Lavoro »

Nei decenni la storia dei “crack” del credito non ha insegnato nulla, concedere infatti prestiti immobiliari a soggetti a rischio di un debitore (perdippiù spesso già insolventi) o che non danno alcuna documentazione circa i propri redditi o attività, è pura follia e nel caso specifico del crack Lehman ha portato solo guai.

10 anni fa invece (quasi) tutto era lecito pur di far quattrini ed il “caso Lehman” è emblematico, una strategia creditizia questa che partorì una figura altrettanto folle per difendersi dal rischio insolvenza, ossia l'industria del credito subprime che cartolarizzò debiti “immobiliari” emettendo obbligazioni ad alto rendimento che furono acquistate da investitori anche all'estero e così il rischio passò ad altri, pur rimanendo nel sistema.

Un primo segnale avvenne all'inizio dell'estate 2007, quando esplose il crack dei mutui subprime, il “sistema” Wall Street però assorbì il default dei mutui spazzatura che magicamente furono trasformati in bond (obbligazioni) tripla A.

I primi nodi di questa finanza e credito “creativi” vennero però al pettine verso la metà di settembre del 2008 per poi esplodere in seguito nel crack finanziario più devastante dopo quello degli anni trenta, uno tsunami che sconvolse il cuore finanziario delle economie del mondo intero travolgendo in un effetto domino tutti gli Stati, Oriente, Africa, Unione Europea e naturalmente Wall Street.
L'impatto sui cittadini del crack di banche d'affari del calibro di Lehman appunto, Merril Lynch, J.P.Morgan, ecc. fu devastante non solo per ciò che riguardò gli asset personali in conto titoli ma anche gli aspetti della loro vita di tutti i giorni ed il lavoro; le ultime sopravvissute, Morgan Stanley, Goldman Sachs, ecc. si trasformarono in gran fretta in banche commerciali, in grado cioè di raccogliere risparmio, mentre quelle inglesi e tedesche furono nazionalizzate o finirono a gambe all'aria come d'altronde quelle francesi e svizzere, mentre quelle italiane caddero nella tagliola degli speculatori.

Tutto questo perché quelle istituzioni controllori di titoli e Borsa, come la Securites & Exchange Commission (l'equivalente della nostra Consob), che dovevano vigilare non vigilarono, gli organi di controllo non controllarono ed i garanti preposti fuggirono la propria etica professionale non denunciando le anomalie di un assurdo sistema finanziario, come il “mordi e fuggi” di un credito malato non più al servizio dell'economia e delle persone, che permise alle banche d'affari di inventare i titoli “spazzatura o tossici”, accelerando così la fine di questo aspetto degenerativo del capitalismo e di un modello di sviluppo finanziario basato sui debiti dei mutui immobiliari e quindi rischiosissimo.

Fu una “deregulation” tra banche e banche, tra banche e politica e tra banche e (loro) regolatori che rese instabile il sistema finanziario e lasciò briglia sciolta agli operatori consentendo ampi margini (troppo ampi) di manovra, dalla noncuranza degli aspetti rischio-rendimento alle omissioni sui vantaggi della diversificazione, da qui i più eclatanti casi di risparmio tradito a spese di risparmiatori e investitori fino a compromettere la reputazione dell'intera filiera del credito.

Il meccanismo del “mordi e fuggi” purtroppo ancora oggi è molto in voga da parte di tanti (troppi) operatori della filiera bancaria retail, una cattiva abitudine che sembra sopravvivere anche nell'era post Lehman in barba al sofisticato sistema di controlli e contrappesi di cui il sistema bancario si è finalmente dotato, una “Regulation” posta a difendere non solo gli interessi dei clienti ma soprattutto orientata all'estensione dei diritti dei cittadini e la redistribuzione dei redditi.

Da sempre per “lavorare” in finanza e credito servono competenza, onestà e buon senso, soprattutto nel porre l'attenzione sulle omissioni da parte del proponente l'investimento (o della linea di credito) su profili di rischi e obiettivi del cliente, la raccomandazione ad esempio per un fondo comune più costoso che però preveda maggiori retrocessioni a volte non paga, e bisogna dirlo.

(Giuseppe Vassura)

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl

Cookie Policy
Informativa Privacy