La Fiera, piattaforma di confronto e scambio

Pubblicata il 9 ottobre 2018

Vai alla sezione Economia e Lavoro »

Lugo (Ra). Siamo tornati dal presidente della Cna di Lugo, Nicola D'Ettorre per fare, con lui, un bilancio della settimana fieristica. “La Fiera biennale è imprescindibile, molto si può fare per migliorare il risultato.”


Che valutazione dà dell'evento Fiera biennale, quali gli elementi positivi e quelli negativi
"Questa fiera è stata, per le attività presenti, una ottima occasione per farsi conoscere e per rinnovare la propria presenza sul territorio. E come detto più volte questa fiera deve restare un punto fermo di questo territorio perché è uno strumento imprescindibile per il tessuto economico e sociale della nostra città.
Elencare gli aspetti e negativi di questo evento è ordinario e comunque sono molto soggettivi. Quello che invece mi preme dire e che la frase chiave che può aiutare questa fiera a crescere è: aumentare a dismisura le relazioni tra le parti coinvolte.
L'evento fieristico è una eccezionale piattaforma di confronto e di scambio di idee. La dimostrazione che la fiera ha dei risvolti positivi e che le aziende continuano ad investire tempo e denari per essere presenti, un motivo deve esserci. Anzi, più di uno.
Però per la buona riuscita della fiera è d'obbligo una attenta pianificazione e la definizione di un progetto di ampio respiro che comprenda tutti gli attori principali del territorio comprese le istituzioni locali che non possono esimersi da tale compito.
Dal confronto con Bologna Fiere sono emersi diversi temi e spunti di riflessione come la sempre maggiore necessità di integrazione di competenze perché, in campo fieristico, la creatività non riguarda solo il prodotto esposto ma anche il format dell'evento, la presentazione, la comunicazione e l'allestimento.
E' poi fondamentale mettere a sistema le competenze e creare maggiore sinergie tra gli attori, cosa che in questa fiera è venuto un pochino a mancare. Ciò non toglie che è stato un momento molto importante per il nostro territorio e noi come Cna siamo e saremo sempre disposti a concentrarci e dare il 100% affinché il risultato sia sempre più gratificante per il nostro territorio. Sono fiducioso che anche tutti gli altri attori, comprese le istituzioni pubbliche, la pensino come noi. Il mio non vuole essere un semplice augurio ma un invito perché la fiera deve continuare ad essere un punto fondamentale del nostro territorio e non possiamo permetterci di mettere in discussione la sua fattibilità nei prossimi anni."

Il mondo imprenditoriale lughese è realmente consapevole del suo ruolo economico e sociale?
"Non le saprei rispondere con precisione. Il mio pensiero comunque va in questa direzione. le aziende non devono essere solo luoghi di esecuzione e creazione di ricchezza. Devono essere anche leve di crescita personale e professionale, spazi di inclusione che sono elementi fondamentali specialmente per l' integrazione sociale dei lavoratori e una opportunità per l'affermazione dei giovani, in alcuni casi anche occasione di riscatto. Perché nell'impresa gli uomini e le donne con il proprio lavoro non generano solo produzione, ma esprimono anche se stessi. Se gli imprenditori del territorio la pensano in questo modo penso siano consapevoli del loro ruolo."

(m.z.)

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl

Cookie Policy
Informativa Privacy