Partito il restauro dell'affresco della Madonna nella chiesa di Villa Torano

Pubblicata il 28 novembre 2018

Vai alla sezione Cultura & Spettacoli »

Partito il restauro dell
Imola. Nell'abside della chiesa di Villa Torano, per tanti anni residenza estiva dei Vescovi di Imola, è stato avviato il restauro dell'affresco della Madonna che ha portato alla scoperta di una 'Maestà' di 177 centimetri di altezza riconducibile ad una datazione molto antecedente rispetto a quello che si pensava. Sotto la pittura murale si è palesata una scritta in gotico antico che fa riferimento al 1480.

Margherita M. Boffo, la restauratrice che ha la direzione dei lavori, commenta così la scoperta: “Ho accolto subito con passione la richiesta di don Beppe Tagariello di seguire il restauro della Madonna di Torano. Il mio incontro con Don Beppe e la Madonnina del comprensorio Vescovile di Villa Torano è nato due anni fa grazie ad una mia carissima amica. Guardando l'affresco ho notato che la luce rifletteva delle orribili pennellate di 'porporina e acrilico' che non avevano nulla a che vedere con la pittura murale. Osservando meglio mi sono accorta anche dei sollevamenti della pellicola pittorica e ho subito deciso subito di sollecitare la Sovrintendenza per ottenere al più presto il permesso per l'inizio dei lavori. Nell' eseguire i tasselli di pulizia richiesti dalla procedura di fase preliminare di restauro mi sono accorta con sorpresa di diverse incongruenze. A seguito dell'esito delle analisi fatte mi sono resa conto degli impropri interventi che la pittura murale aveva subito nel tempo, intromissioni effettuate da inesperti e a dir poco inetti 'improvvisati artisti'. Oltre a questi elementi di composizione anche i miei studi di iconografia mi hanno suggerito un possibile indirizzo di indagine. Informazioni che si distaccavano nettamente dal periodo storico di attribuzione della Madonna che fino a questo momento ero collocato agli inizi del 1600. Un intuito che mai avrei pensato mi portasse a scoprire tale tesoro. La mia attenzione si è quindi spostata verso la cuffia indossata dal Devoto inginocchiato, riconducibile, a mio parere, ad un tardo Medioevo".

Dal 2015 la Curia di Imola ha dato in gestione la Villa a don Giuseppe Tagariello, Rettore della comunità imolese di San Giacomo che commenta cosi la scoperta: “Alla base dell' affresco della Madonna nella chiesetta di Torano escono inaspettatamente informazioni che ci hanno colto di sorpresa: la datazione '1480' e la frase in latino scritta in lettere gotiche 'Mater Dei genuit te ….[..]'
La prima delle due osservazioni che desidero esporre riguarda il periodo storico dell' affresco: a Imola governavano i Riario-Sforza e precisamente Girolamo e Caterina . Balza sulla scena storica del futuro territorio italiano l'inizio dell' era moderna e Imola, la mia città di adozione, gioca un ruolo non secondario nello scenario politico e religioso europeo .Caterina è un personaggio che non può passare inosservato a coloro che un minimo si addentrano nel conoscere la sua straordinaria personalità: una donna ecletticamente colta e una guerriera che molti accostano a Giovanna D' Arco o alla stupenda abbadessa medievale benedettina Ildegarda di Bingen. La seconda osservazione che mi sento di fare è di carattere religioso. Nel periodo in questione si registrano tantissime forme popolari di interventi della Madonna: nel 1480 a Bocca di Rio, nel 1483 al Piratello e cosi' via in Regione, in tutta Europa, nel mondo. Secondo ricerche storiche locali, eseguite dal dottor Nildi, il bellissimo e maestoso affresco di Torano, scoperto nella sua interezza dalla restauratrice Margherita M. Boffo, viene definito dal parroco di Poggiolo 'La Madonna che fa' miracoli'. Come sacerdote mi permetto di dare una chiave di lettura che va oltre il devozionale: la Madonna 'prende l'iniziativa' di aggregare la gente comune e di confermare la loro fede, in alcuni dubbiosa, alternante e insicura".

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl

Cookie Policy
Informativa Privacy