Elezioni di metà mandato negli Usa, c'è un'onda Democratica?

Pubblicata il 2 dicembre 2018

Vai alla sezione Dal mondo »

Elezioni di metà mandato negli Usa, c
A tre settimane dalle elezioni statunitensi di metà mandato, lo spoglio completo dei voti non è ancora finito: rimangono da assegnare tre seggi della Camera, e altre importanti elezioni sono state decise solo nei giorni scorsi. Ormai sappiamo però abbastanza per poter dire che i risultati definitivi non cambieranno di molto rispetto a quelli che abbiamo ora, con i Democratici con un'ampia maggioranza nella camera bassa del Congresso. Al Senato, invece, martedì si è tenuto il ballottaggio per l'ultimo seggio ancora da decidersi, quello dell'elezione speciale in Mississippi: ha vinto, come previsto, la candidata Repubblicana che ha battuto quello Democratico.

I Repubblicani hanno quindi 53 seggi al Senato, due in più di quelli controllati prima delle elezioni. Ma considerando il voto popolare, emerge un quadro diverso: al Senato - dove si votava solo in alcuni stati, prevalentemente Repubblicani - i Democratici hanno ottenuto circa 49,5 milioni di voti, contro i 34 milioni dei Repubblicani: il 59 contro il 41 per cento.
La discrepanza tra i voti e i seggi ottenuti, ovviamente, è legata alla struttura stessa dell'impianto statale americano, che assegna lo stesso numero di senatori alla California, che ha 40 milioni di persone, e al Montana, che ne ha un milione.

Alla Camera, dove c'è più coincidenza tra il voto popolare e i seggi ottenuti, i Democratici sono vicini a guadagnare 40 seggi: sarebbe per i Democratici il più ampio margine dal 1974, quando stravinsero per via dello scandalo Watergate. Secondo gli ultimi dati, i Democratici hanno ottenuto circa 60 milioni di voti alla Camera, contro i 50,6 dei Repubblicani: sono oltre 9 milioni di voti in più, il margine più alto dal 1974. A separare i due partiti alla Camera sono stati 8,2 punti percentuali, un margine davvero ampio.

Come ha scritto su CNN l'analista politico Chris Cillizza: “In qualche angolo di internet c'è ancora qualcuno che sostiene che le elezioni del 2018 non siano state una “onda Democratica”. Citano il fatto che i Repubblicani hanno guadagnato due seggi al Senato, e paragoni storici che suggeriscono che la sconfitta alla Camera non sia stata così drammatica. Il punto è che i fatti sono fatti. E tutti i fatti indicano che le elezioni del 2018 non siano state solo una “onda Democratica”, ma un'onda gigante”.
Trump la sera del martedì elettorale, alla vista dei risultati scrisse su Twitter: “Grande successo. Grazie a tutti”. Ma si sa che Trump non ami molto i giornalisti della CNN, come del resto succede per i giornalisti italiani da parte di importanti esponenti pubblici.

P.S. I dati elettorali pubblicati sono stati ripresi dai siti de Il Post e di Wikipedia USA.

(Tiziano Conti)

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl

Cookie Policy
Informativa Privacy