Cambiavento

L'autodromo affittato a privati incentivando la velocità

Pubblicata il 2 febbraio 2015

Vai alla sezione Turismo & Motori »

L

Imola. Vedere il glorioso autodromo “Enzo e Dino Ferrari” su una pubblicità “groupon” presente su Facebook dove si cerca di affittarlo a chi non è pilota provetto, ma ama le  grandi velocità non fa una buona impressione.

Specialmente se si cerca di attrarre i clienti alla giornata da pilota su Porsche, Ferrari o Lamborghini da strada con queste esatte parole: “Scattare al verde e via una marcia dietro l’altra stando attenti a non farsi superare. Il rettilineo scorre veloce sotto le ruote e il motore scoppietta a ogni rilascio. Staccata, giù le marce, dentro alla curva di cattiveria ma, il retrotreno slitta, la macchina si intraversa e… Mostra di cosa sei capace…” con successivi prezzi di saldo Un giro in pista a 89 € invece di 199, 2 giri in pista a 149 € invece di 309, 3 giri in pista a 199 € invece di 399 e 4 giri in pista su 2 auto a 289 € invece di 618.

 

L'utilizzo della vostra auto per prove su pista puà fare sorgere l'esigenza di trovare i migliori pezzi di ricambio. Basta avere una connessione  a internet e tutto può diventare più semplice. Potete trovare maggiori informazioni su Shopricambiauto24. Collegatevi e trovare il pezzo cercato è più facile. Inoltre si può anche risparmiare sui costi. Il sito è accessibile senza registrazione, è possibile visitarlo sempre, scegliere e comparare diversi pezzi e fare acquisti 24 ore al giorno e 365 giorni l’anno, trovando autoricambi di ogni marca ai prezzi più convenienti del mercato.


Per chi coglie l'offerta dell'autodromo di Imola, sono previsti anche “un aperitivo di benvenuto, circa 30 minuti di briefing teorico in aula, giri di pista su un’auto a scelta tra Porsche, Ferrari o Lamborghini (per l’opzione da 4 giri vengono effettuati 2 giri su un’auto e 2 su un’altra a scelta), debriefing e rilascio dell’attestato di partecipazione finale. L’assicurazione è inclusa”.

Insomma, un invito a spingere al massimo il piede sull’acceleratore con i conseguenti rischi quando nel circuito del Santerno sono morti già appassionati, seppur solamente sulle moto, e le auto sono in tutta evidenza più sicure, ma le elevate velocità che possono raggiungere le vetture (ad esempio per una Ferrari F430 F1, peso 1450 kg, potenza massima 490 Cv a 8500 giri min. coppia massima: 465 Nm a 5250 giri, potenza specifica 114 Cv/l, accelerazione 0-100 km/h in 4 secondi, motore 8 cilindri a V 90°, cilindrata 4308 cm³ e velocità massima maggiore di 315 km/h) possono creare uscite di pista pericolose. Proprio quando l’autodromo doveva, a detta della giunta guidata dal sindaco Daniele Manca, avere sempre più un uso polifunzionale come il museo dove c’è ancora la mostra dei presepi di Papa Giovanni Paolo II che però non sembra aver riscosso il successo aspettato e della quale, dopo l’inaugurazione, quasi nessuno ha parlato.

Se invece si incentivano le giornate per privati con auto di grossa cilindrata molto rumorose con conseguente inquinamento atmosferico e acustico, significa che si tira soprattutto a far cassa. E la Formula 1 è sempre lontana.

(Articolo sponsorizzato)

                                                          

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl