Cambiavento

Ecco perchè sono diventata vegana

Pubblicata il 16 luglio 2015

Vai alla sezione Storie e Racconti »

Ecco perchè sono diventata vegana
Ho 30 anni e da ben 16 ho scelto di eliminare i prodotti animali dalla mia dieta.
Sono cresciuta in una semi fattoria quando ancora la Pedagna non era la periferia di Imola ma zona di campagna in cui correre nei campi di “spagnara” e arrampicarsi sugli alberi di maraschino. Quando ero molto piccola la mia migliore amica era una capra di nome Cesare con cui giocavo e nei momenti di buona i miei genitori mi ci mettevano a cavalcioni. Conservo delle foto esilaranti che mi fanno sorridere a ricordarla.
Purtroppo morì investita da una macchina e mio nonno pensò bene di mangiarsela. Avevo 3 anni ma ricordo bene l'indignazione che provai. La beffa un po' macabra è che poi l'ironia del destino volle morto mio nonno allo stesso modo. Ero ragazzina e già piuttosto polemica e pensai: “Ma come lui non lo mangiate?”.
Tornando alla bucolica storia della mia infanzia avevamo anche un maiale che razzolava beato nel suo stalletto, non ci avevo stretto un'amicizia come con Cesare, ma gli davo spesso io da mangiare e si può dire che gli volessi bene. Quando diventò abbastanza grasso mio zio lo sgozzò. Rammento troppo bene come le urla che lanciava assomigliassero a quelli di un bambino. Sono echi che mi è impossibile dimenticare.
Dal suo corpo fecero il prosciutto e di nuovo ero schifata dall'idea di dovermene cibare.

Infine, quando avevo 10 anni, la mia famiglia decise di costruire una casa nuova e dovettero abbattere il conigliaio che dava rifugio a una trentina di conigli; mia nonna li uccideva puntualmente per farne stufati ma era una donna sensibile e accorta e non l'aveva mai fatto davanti ai miei occhi.
Quella volta però per tirare giù la struttura chiamarono un tale amico di nonno che si mise in cima alla scaletta di legno e in un pomeriggio tagliò la gola a tutti i conigli. Li prendeva uno dopo l'altro e rideva mentre infilava la lama nel collo delle piccole creature. Io stavo sotto la scala e guardavo i cadaverini ammassarsi ai miei piedi ed ero incapace di muovermi.
Si può pensare che sia una storia fatta di traumi ma in realtà di tratta di sensibilità. Per quanto possa fare soffrire, la sensibilità, io l'ho sempre voluta intendere come un talento per la vita.

Al di là degli animali che ho conosciuto, il gusto della carne non è stato fra le mie corde. Ricordo che quando mi obbligavano a mangiare la ciccia riuscivo sempre ad ottenere che ci spalmassero sopra la nutella grazie alla cocciutaggine con cui la rifiutavo.
Con l'adolescenza e l'irrequietezza che comporta, mi appassionai di politica e iniziai a frequentare il collettivo studentesco. Avevo 14 anni e una sera in riunione proiettarono un video documentario sull'allevamento intensivo. Succedevano e succedono cose aberranti in quei campi di concentramento. La mattina successiva informai i miei genitori della mia scelta di diventare vegetariana. Fu una tragedia per loro. Mia nonna non si è mai rassegnata e ancora oggi cerca di tentarmi con i tortellini.

All'inizio fu dura, era da “strambi” portare avanti idee come la mia e inoltre non sapevo nulla di nutrizione così mi ritrovavo spesso a mangiare della pasta e formaggio ma poi, per fortuna, con gli anni, leggendo e studiando, incontrando persone con la mia stessa sensibilità e entrando a fare parte del “Gruppo di acquisto solidale” di Imola ho imparato a nutrirmi in termini di nutraceutica ed eubiotica.
Se dovessi definire il mio approccio al cibo mi riconoscerei come bio-devota e vegana filosofica.

Da ragazzina avevo la pretesa di diffondere quella che per me era la direzione giusta per la società così iniziai a coltivare il sogno di un ristorante vegetariano. Adesso che da 2 anni gestisco insieme alla mia amica naturopata il Bio Green Food potete capire quanto mi senta molto realizzata.
Nella nostra bottega cerchiamo di comprare le materie prime biologiche nel territorio, presso i mercatini a cui partecipiamo, che trasformiamo artigianalmente e con amore nei nostri manicaretti e nelle nostre pietanze. Inoltre faccio il pane e le pizze con il lievito madre lavorando su 4 lievitazioni. Sono convinta che sia il più bel mestiere del mondo. Quando lo mangio la soddisfazione mi invade e mi inebria del profumo dei semi tostati che metto sulle pagnotte.

Sono molte e persone che vengono a trovarmi in negozio per cercare maggior benessere sia a livello fisico che spirituale. Constato con gioia che l'attenzione sul cibo sta diventando un main stream e per quanto questo mi faccia piacere, temo molto che venga strumentalizzata (come all'Expo).

Concludo con quello che è il mantra in cui identifico la mia scelta vegana: “Sia il cibo gioia per il palato, medicina per il corpo e balsamo per lo spirito".

(Simona Quijote Biagi)

Condividi questa notizia

facebook twitter linkedin google email

Condividi

facebook twitter linkedin google email
Ultime notizie di
"Storie e Racconti" Vedi tutte »
Iscriviti alla newsletter
Meteo fra Bologna e il mare
Segui leggilanotizia
Tutte le sezioni
Notizie per località
Credits
Editore Xaiel srl
Via Rio Palazzi, 37
40026 Imola (BO)
direttore@leggilanotizia.it

P.IVA 02226881205
© Copyright 2011 Xaiel srl.
Tutti i diritti riservati. Riproduzione vietata.

Testata registrata presso il Tribunale di Bologna n.8167 del 16 marzo 2011. Iscrizione al Registro degli Operatori di Comunicazione n. 15545

Questo sito è interamente gestito con il CMS i-Plug
Realizzazione sito:
Punto Triplo Srl